Perché solo chi muore si rivede. Dieci anni senza Edoardo Sanguineti

di Gilda Policastro Edoardo Sanguineti era nato a Genova il 9 dicembre 1930. Il modo migliore per rendergli omaggio, a dieci anni dalla morte, è riconsegnarli volto, voce, e soprattutto la sua rinomata arte di conversatore. In rete ci sono diversi video che possono restituire a chi non l’abbia mai incontrato la sua facondia e […]

Rossanda: “Oggi chiederei a Delors e Prodi perché è fallita la loro idea d’Europa”

di Stefano Marchetti

Il ‘secolo breve’ lei lo ha vissuto tanto, e intensamente: nella politica, nel giornalismo, e soprattutto nelle idee. Rossana Rossanda, la ‘comunista eretica’, fondatrice del ‘Manifesto’ (che ha anche diretto), ha conosciuto le speranze dei cambiamenti radicali che hanno attraversato il ‘900, ma ha anche visto che quel tessuto di grandi idee ne è uscito poi sconfitto. Nei suoi anni al giornale, ha incontrato molti protagonisti del secolo inquieto: più che interviste, i suoi erano ‘liberi dialoghi, colpi di sonda’.

Un’antologia, ‘Quando si pensava in grande’ (edita da Einaudi), raccoglie venti di quei ‘faccia a faccia’ ormai storici, dal 1965 al 1998: rileggiamo le parole di Gyorgy Lucaks e Jean Paul Sartre, di Louis Althusser e Salvador Allende, così come di Trentin e Ingrao, D’Alema e Bertinotti, tutti ‘volti della Sinistra’.

Per iniziativa dell’associazione ‘Il Manifesto in rete’, si parlerà del libro oggi alle 18 alla Feltrinelli di piazza di Porta Ravegnana: con Mauro Chiodarelli, ne discuteranno il giornalista Gabriele Polo, l’ex segretario Fiom Gianni Rinaldini e la politologa della Columbia University Nadia Urbinati. Rossana Rossanda (che il 23 aprile compirà 90 anni) non potrà esserci, ma da Parigi ha risposto alle nostre domande.

Signora Rossanda, qual è l’incontro di cui conserva un ricordo più forte?

«Forse quello con Salvador Allende, per l’equilibrio e la determinazione quando già cominciava a essere duramente attaccato dalla destra; certo non immaginava il tradimento dell’esercito».
Leggi di più a proposito di Rossanda: “Oggi chiederei a Delors e Prodi perché è fallita la loro idea d’Europa”

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi