Lockdown per tutto tranne per l’emergenza climatica

di Stella Levantesi   Meno 5,5% di emissioni ma non basta. La più grande contrazione economica globale della storia non diminuisce di una virgola il riscaldamento della Terra. Ma non bisogna scoraggiarsi, bisogna cambiare il modo di produrre e di consumare energia   Il coronavirus ha fermato il mondo. E, per la prima volta da anni, […]

Coronavirus, l’inquinamento ne è un pericoloso complice. Che aspettiamo a cambiare?

di Sergio Caserta   Siamo entrati nella seconda fase della lotta alla pandemia e ci apprestiamo a riprendere una parziale normalità di comportamenti: le attività produttive, quelle industriali in particolare, hanno ricominciato pressoché in toto, anche quelle commerciali con limitazioni stanno riaprendo, mancano sostanzialmente ancora bar e ristoranti (che pure possono effettuare l’asporto), ma soprattutto […]

26/4: Chernobyl, le pellicole difettose

di Riccardo Venturi Il disastro nucleare di Chernobyl, questo giorno 34 anni fa. Le prime immagini documentarie, di Igor Kostin e Vladimir Shevchenko, furono turbate dalla radioattività: rappresentano così, insieme, la realtà e il suo fantasma… Kiev, fine aprile 1986. Il fotografo Igor Kostin, collaboratore dell’agenzia di stampa sovietica Novosti, in seguito membro dell’Atomic Photographers […]

Biosfera, l’ambiente che abitiamo. Crisi climatica e neoliberismo

di Matteo Lupoli  Nel mezzo della diffusione dell’epidemia e del dibattito scientifico attorno alle sue cause, la lettura del volume “Biosfera, l’ambiente che abitiamo. Crisi climatica e neoliberismo” di Enzo Scandurra, Ilaria Agostini e Giovanni Attili è uno strumento utile per tornare sulla crisi ecologica con uno sguardo critico e consapevole. Ricevo il nuovo lavoro […]

La legge sul clima non convince gli ambientalisti

Il 4 marzo la Commissione europea ha presentato la sua proposta di legge sul clima. Il documento era atteso da mesi, perché dovrebbe costituire il fondamento del green deal europeo che la presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha promesso di mettere al centro del suo mandato. Lo scopo principale della legge è ufficializzare l’obiettivo centrale del […]

Naomi Seibt non è l’anti Greta Thunberg, ma una youtuber di estrema destra (che parla di clima)

di Andrea Fioravanti I media di tutto il mondo l’hanno soprannominata “l’anti Greta Thunberg”, ma la diciannovenne tedesca Naomi Seibt è un’attivista di estrema destra che solo da qualche mese su Youtube pubblica video per sminuire la portata del cambiamento climatico. Sì, è bionda, adolescente ed europea, ma le analogie con la sedicenne svedese finiscono […]

Matera 2019: niente paura se il paesaggio diventa luogo di scontro

di Michele Fumagallo L’inaugurazione di un complesso museale contadino nei Sassi è stata l’occasione per interrogarsi sul destino culturale e turistico della città. È stato aperto al pubblico nel Sasso Caveoso il “Vicinato a pozzo”, un pezzo di quel famoso museo demo antropologico di cui si parlo’ tanti anni fa (fu coinvolta Gae Aulenti) e […]

Autonomia differenziata? No Grazie: i video dell’incontro (seconda parte)

“Autonomia differenziata? No grazie”: ecco la seconda e ultima parte dei video realizzati durante l’incontro che lo scorso 4 aprile, all’Auditorium Toscanini di Parma, dal Comitato Democrazia Costituzionale cittadino. Scuola, sanità, ambiente, lavoro: sono questi i temi che sono stati affrontati nel corso del dibattito per capire cosa succederà a questi settori strategici e a […]

Autonomia differenziata? No Grazie: i video dell’incontro (prima parte)

“Autonomia differenziata? No grazie” è il titolo dell’incontro che lo scorso 4 aprile, all’Auditorium Toscanini di Parma, dal Comitato Democrazia Costituzionale cittadino. Scuola, sanità, ambiente, lavoro: sono questi i temi che sono stati affrontati nel corso del dibattito per capire cosa succederà a questi settori strategici e a tanti altri, se passerà il progetto di […]

Bologna: prioritari mobilità, bosco urbano, salvaguardia degli impianti sportivi e ambiente

di Mariangela Balestra

Sono orgogliosa di rappresentare questo comitato nato per la difesa di alcuni diritti dei cittadini bolognesi, di questi cittadini bolognesi che ammiriamo sinceramente per quello che sono, per quello che fanno in silenzio, con amore e costanza per la cura dei beni comuni e il bene di Bologna.

Nel 2016, 400 cittadini residenti del quartiere Porto di Bologna hanno firmato una petizione per l’attraversamento ciclo pedonale della via Gandhi in corrispondenza delle vie Piave e Sacco e Vanzetti. Queste 2 strade prima comunicanti sono state interrotte senza prevedere almeno un passaggio pedonale. La petizione è arrivata al Sindaco, ma dopo due anni nessun intervento è stato realizzato; eppure noi contiamo nella realizzazione dell’attraversamento per evitare incidenti e per consentire il passaggio pedonale in sicurezza.

Si badi bene: si tratta di installare un semplice semaforo per nulla costoso, non chiediamo una inutile e faraonica sopraelevata, non funzionale alla mobilità delle persone disabili, anziane e in bici (il progetto presentato dal comitato in consiglio di quartiere c’è già). Il comitato, oltre a sostenere la petizione, si è attivato per difendere le sorti del Cierrebi (che vediamo in queste foto, con campi da tennis, piscine, verde e i classici tetti rossi). Il
Cierrebi è un impianto sportivo d’eccellenza con una storia prestigiosa negli internazionali di tennis. Tuttora si allenano e vi competono campioni nazionali di tutte le discipline. Il centro è un punto di riferimento sportivo e formativo per i giovani e meno giovani e anche i disabili di questa prima periferia di Bologna.
Leggi di più a proposito di Bologna: prioritari mobilità, bosco urbano, salvaguardia degli impianti sportivi e ambiente

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi