La libertà chiamata per nome. L’ultimo rapporto del Garante delle persone detenute

di Dario Stefano Dell’Aquila   Il 26 giugno, nell’aula dell’università di Roma 3 adeguata per l’occasione a sala del Senato, è stata presentata la Relazione al Parlamento 2020 del Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale, presieduto da Mauro Palma e composto da Daniela de Robert e da Emilia Rossi. […]

Dall’emergenza all’eccezione permanente. I rischi di un carcere bloccato nella Fase 2

di Luigi Romano Le dichiarazioni del magistrato Nino Di Matteo, presidente dell’Associazione nazionale magistrati di Palermo, sulla presunta trattativa tra stato e mafia durante la rivolta al carcere di Salerno lo scorso 7 marzo, rappresentano un clamoroso tentativo – condiviso in queste settimane con alcune “correnti” vicine al mondo dell’antimafia – di riscrittura dei fatti […]

Appello del Coordinamento Nazionale delle Cliniche Legali Italiane in merito all’emergenza sanitaria COVID-19 negli istituti penitenziari

In molte carceri italiane sono attive delle cliniche legali che offrono gratuitamente assistenza alle persone recluse. Tra queste ci sono anche quelle attivate dalla nostra associazione in alcuni istituti della penisola. Le attività di queste cliniche sono ormai da oltre un mese bloccate a causa dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus e ai limiti imposti dai […]

Prigionieri del Virus

Meno di una settimana fa usciva questo articolo su Internazionale, facendo luce su uno degli spaccati sociali più importanti e trascurati dell’attuale situazione d’emergenza. Con le rivolte che stanno scoppiando in questi giorni, questa testimonianza giornalistica sembra assumere ancora maggior rilievo [n.d.r.]. di Luigi Mastrodonato Da 28 anni la cooperativa sociale Alice offre lavoro ai detenuti […]

Se il carcere cancella la nostra Costituzione

di Adriano Prosperi

«Voi qui non applicate la Costituzione». Così ha detto un detenuto delle carceri italiane. Si chiama Rachid Assarag. Non importa perché si trovi in carcere. Basti solo sapere che ha registrato, con molte altre cose, questo breve dialogo.

Un dialogo con un graduato (un brigadiere) delle forze della polizia carceraria. Gli ha chiesto: «Brigadiere, perché non hai fermato il tuo collega che mi stava picchiando?». Gli è stato risposto: «In questo carcere la Costituzione non c’entra niente». E anche: «Se la Costituzione fosse applicata alla lettera questo carcere sarebbe chiuso da vent’anni».

La cosa stupefacente non è che un detenuto sia stato picchiato. Né che ci siano state quella domanda e quella risposta. La cosa fra tutte più singolare è proprio il nostro stupore. Davvero riusciamo a stupirci? Davvero non sapevamo che ci sono dei luoghi dove la Costituzione non vale? E non sapevamo forse che fra quei luoghi ci sono proprio quelli che si richiamano alla Giustizia? Gli uomini che picchiano ne recano il nome sulla loro divisa. Il loro ministero di riferimento è quello che si chiamava di Grazia e Giustizia. La Grazia se n’è uscita alla chetichella. Ma la parola Giustizia è ancora lì.

Non solo: quei luoghi sono governati in nome della Costituzione. La Costituzione è come un cielo che ci copre tutti. Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me, diceva Kant. La Costituzione nasce dalla volontà di sostituire all’illusoria volta di un cielo che, come diceva una canzone di Jacques Brel, “n’existe pas”, la protezione effettiva di un orizzonte comune, quella di princìpi e regole validi dovunque si estendano i confini dello Stato sovrano. È la coscienza di essere coperti da questo cielo che ci fa muovere negli spazi della vita quotidiana.
Leggi di più a proposito di Se il carcere cancella la nostra Costituzione

Appello per Roverto Cobertera in sciopero della fame e della parola

Roverto Cobertera
Roverto Cobertera
di Carmelo Musumeci, carcere di Padova

Vi ricordate di Roverto Cobertera, l’uomo di colore con doppia cittadinanza domenicana e statunitense, condannato all’ergastolo che tempo fa aveva iniziato uno sciopero della fame per gridare la sua innocenza? Vi ricordate che dopo due ricoveri in ospedale, l’appello del Presidente della Camera dei Deputati e della Redazione di “Ristretti Orizzonti” e l’importante novità della ritrattazione del suo accusatore, e reo confesso di quell’omicidio, aveva interrotto il digiuno?

Ebbene Roverto non ce la fa più ad aspettare i tempi lunghi della giustizia italiana per la revisione del suo processo. E ha deciso di iniziare un nuovo sciopero della fame e questa volta anche della parola (sta comunicando solo con carta e penna). Ho tentato con tutte le mie forze di convincerlo a desistere da questo nuovo digiuno, ma incredibilmente è stato lui a convincere me che non ha nessun’altra scelta. Prima d’iniziare la sua protesta mi aveva scritto:

Caro Carmelo, scusami di non essere potuto scendere al campo, mi sento un po’ giù di morale. Mi sto sforzando di mettere le idee in ordine per prepararmi psicologicamente per lo sciopero della fame. Non sento nessun tipo di emozione per il risultato dell’interrogatorio, perché io so come sono andate le cose. E lo sa anche la procura che ha condotto l’indagine. Trovo vergognoso dover parlare ancora di questa vergogna che non provano questi magistrati convinti di essere Dio. Non provo rabbia per questo sistema nazista e fascista, ma con me stesso, per essere venuto a cadere in questo sistema medievale. Ricevi un forte abbraccio.

Leggi di più a proposito di Appello per Roverto Cobertera in sciopero della fame e della parola

“Qui va tutto male, ma ci obbligano a dire il contrario”: lettera dal carcere femminile di Pozzuoli

Carceri
Carceri
Riceviamo via Facebook da Cristina Comparato e rilanciamo il post del blog CarcereVerità.it

dalla Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli

Mi è capitato di leggere questa lettera, pubblicata da Gaia Bozza. Arriva dal carcere di Pozzuoli e scritta da una ragazza detenuta. “Dentro va tutto male, ma qui ci obbligano a dire che va tutto bene, con la minaccia dei rapporti”. Ovvero: se menti, esci prima. Se parli, scordati i giorni di liberazione anticipata.

Invece queste cose devono uscire. Come sono uscite le torture a cui venivano sottoposti i malati di mente nei manicomi. Solo così si è riusciti ad abolirli. Se si parla, si ha una speranza di cambiare le cose. Stare in silenzio, significa essere complici.

“Sono una detenuta di Pozzuoli – si legge – e vi scrivo anche da parte di tutte le detenute di questo carcere, anche se nessuno di noi può firmare, se no subito ci puniscono e non ci pensano su una volta a metterci in isolamento, che è una stanza che puoi fare solo i bisogni personali e non stare a contatto con nessuno. Per prima cosa vogliamo che voi sappiate che tutte le lettere che vi mandiamo gli assistenti non ve le fanno arrivare per paura che noi vi scriviamo come siamo trattate qua dentro, e anche quando venite qua fuori non ci consentono di parlare né con voi né con i nostri familiari, nemmeno per salutarli, se no subito fanno abuso di potere incominciando a metterci i rapporti. Si perché in questo “inferno” che noi viviamo, andiamo avanti solo con le minacce dei rapporti, anche per una sigaretta, che è l’ultima cosa che ci è rimasta qua dentro, in questo inferno che è così facile ad entrare, ma così difficile ad uscire.
Leggi di più a proposito di “Qui va tutto male, ma ci obbligano a dire il contrario”: lettera dal carcere femminile di Pozzuoli

“Meno male è lunedì”, un bellissimo film di Filippo Vendemmiati

di Vittorio Capecchi

Ho visto il film Meno male che è lunedì di Filippo Vendemmiati con Amina alla Cineteca per merito di Roberto Alvisi e non esito a definirlo bellissimo per due motivi: uno privato e uno pubblico. Il motivo privato richiede una relativamente lunga spiegazione. Quando sono arrivato come incaricato di sociologia a Bologna nell’anno accademico 1968/69 da Milano dove ero assistente di statistica alla Bocconi avevo una laurea in sociologia matematica e una libera docenza in sociologia.

La matematica mi aveva portato fortuna fin dall’inizio perché Francesco Brambilla (l’ordinario di statistica della Bocconi) mi aveva preso come “assistente”da matricola perché aveva visto nei miei occhi “la passione della matematica”e insieme ad altre due matricole Michele Cifarelli e Giorgio Faini decise un nuovo esperimento “inviare alla carriera di assistente tre matricole”per evitare che si corrompessero e non amassero la “bellezza della matematica”(Brambilla diceva sempre che se un bel modello matematico non spiega la realtà la colpa è della realtà).
Leggi di più a proposito di “Meno male è lunedì”, un bellissimo film di Filippo Vendemmiati

Gatto Randagio: “Meno male è lunedì”, quasi fosse un film

di Francesca de Carolis

Fiabe vere per insegnare che, nonostante le difficoltà, la fatica, il male, il dolore, c’è anche una speranza. Appunto su di un film. Una delle cose che piacciono a me… tutto a rovescio, a cominciare dal titolo: “Meno male è lunedì”. Sì, perché se prassi vorrebbe che per tutti si pensi al lunedì come alla fine dello spazio di libertà che sabato e domenica ci dovrebbero riservare, per i protagonisti di questo film, che è piuttosto documentario, è lì che inizia la gioia. La gioia di un lavoro. Sì, perché i protagonisti sono tredici persone recluse, nel carcere bolognese della Dozza, per essere precisi. E per loro si è compiuto un piccolo grandissimo miracolo. Una vecchia palestra del carcere è stata trasformata in officina. E non è una cosa tanto per passare il tempo.

Una vera officina, messa in piedi da tre aziende metalmeccaniche leader nel settore del packaging (Gd, Ima Spa e Marchesini Group, meritano la citazione), che le persone in prigione le hanno proprio assunte con regolare contratto. Roba rarissima nel desolante panorama penitenziario italiano, dove per i più il tempo trascorre nel nulla. Sembra, anche questo, il racconto di una fiaba. Di quelle non addomesticate e sdilinquite. Fiabe vere, scritte per insegnare che, nonostante le difficoltà, la fatica, il male, il dolore, c’è anche una speranza. Anzi, sono proprio le difficoltà, la fatica, il male, il dolore, a insegnare a costruire la speranza e non solo.
Leggi di più a proposito di Gatto Randagio: “Meno male è lunedì”, quasi fosse un film

“Cucinare in massima sicurezza”: quando il cibo si prepara in un carcere di massima sicurezza

Cucinare in massima sicurezza
Cucinare in massima sicurezza
di Francesca Mezzadri

In questo manuale di cucina, le donne non ci sono. Non ci sono, ma è come se ci fossero: nelle lasagne allo stipetto, nella patata incappucciata, nei rotolini stuzzicanti, nei broccoli baresani alle acciughe, persino nel dolce galeotto. Perché dietro questi piatti ci sono le sorelle, le zie, le madri dei veri autori di Cucinare in massima sicurezza, detenuti in regime di massima sicurezza, che hanno reinventato le ricette di casa in un ambiente diverso: quello del carcere. E hanno reinterpretato i piatti a modo loro, con quello che si trovavano davanti, o meglio con quello che soprattutto “non avevano” nelle loro celle, cercando di replicare i sapori casalinghi grazie ai ricordi e alle telefonate con le loro donne – “quei 10 minuti dove ti spiegano perché le melanzane alla parmigiana sono venute acquose”.

E non è un caso che la sorella di uno di loro ammetta che “leggendo questo libro sono venuta a conoscere parti della quotidianità di mio fratello di cui sono all’oscuro da tanti, troppi anni. Mio fratello quando tornava a casa, trovava il pranzo pronto e finiva con il caffè che gli veniva portato in poltrona, per poi uscire nuovo. Scoprire che oggi si fa il pane è strano. Anche incoraggiante.” E tutto in effetti è nato proprio da un’affermazione di suo fratello “Io in cella mi faccio il pane!”, un’affermazione colta durante un laboratorio di comunicazione realizzato nel 2009 nel carcere di massima sicurezza di Spoleto e che ha dato origine al singolare ricettario Cucinare in massima sicurezza edito da Stampa alternativa/Nuovi equilibri nel 2013.
Leggi di più a proposito di “Cucinare in massima sicurezza”: quando il cibo si prepara in un carcere di massima sicurezza

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi