Pubblico o privato nell’erogazione dei servizi sanitari: le evidenze a favore del primo

di G. Trianni, medico sanità pubblica, A. Gazzetti, esperto di economia sanitaria, e A. Baroncini, medico genetista (Forum per il Diritto alla Salute) Con un articolo dal titolo “Health systems should be publicly funded and publicly provided”, pubblicato su BMJ lo scorso settembre corredato di ben 46 citazioni bibliografiche, N. Modi, J. Clarke e M. […]

Scuole di Bologna e provincia: a giorni i bandi sull’handicap. Tornano i rischi del passato?

di Massimo Corsini

A giorni dovrebbe uscire il bando che assegnerà la gestione dei servizi sull’handicap e integrativi (prescuola, doposcuola e refezione) nelle scuole di Bologna e provincia. Tre anni fa, sotto il commissariamento di Anna Maria Cancellieri, la Coop Dolce, il principale operatore sul territorio, perse la gara d’appalto nelle scuole della città a vantaggio della Quadrifoglio, l’attuale gestore del servizio. Per circa 400 educatori fu un carro bestiame quando, in seguito ad accordo sindacale, si trovarono tutti quanti, nel giro di una notte a fare le ore piccole per firmare un nuovo contratto con un nuovo datore di lavoro. Questa volta l’episodio non si dovrebbe ripetere: ormai da qualche tempo è stata imbastita una sorta di trattativa tra sindacati, CGIL, CISL,UIL, USB e Comune per cercare di evitare gli eventuali disagi derivanti dalle nuove assunzioni e metter le mani avanti sulle condizioni contrattuali, in generale, degli educatori.

È stato chiesto, infatti, non solo che il bando uscisse per tempo, ma anche che la nuova gara comprendesse l’unificazione dei servizi sull’handicap, integrativi e dei centri estivi. Mentre sui primi due sembra esserci in qualche modo una convergenza di vedute, le divergenze tra sindacato e Comune arrivano in merito al terzo dei tre punti.

Scorrendo però il verbale di accordo firmato con la CGIL, probabilmente la novità principale dal punto di vista contrattuale riguarda la “mensilizzazione” del contratto di lavoro, che, a quanto pare, sembra sia stata accettata dal Comune come clausola premiante da inserire nel bando (non potrà essere condizione essenziale per poter partecipare alla gara ma costituirà un valore aggiunto che assegnerà punteggio).
Leggi di più a proposito di Scuole di Bologna e provincia: a giorni i bandi sull’handicap. Tornano i rischi del passato?

Moretto: “No allo smantellamento della scuola pubblica. Via il progetto di Fondazione”

“Occorre chiedere con forza che il documento sulla “Fondazione dei servizi educativi” venga cestinato al più presto e che si apra in questa città, come negli anni 60, un dibattito culturale e politico aperto a tutti sul futuro della nostra scuola e della nostra società. La proposta di referendum cittadino promossa dal Comitato art. 33 in questi giorni sull’uso delle risorse comunali oggi destinate alle scuole materne private (1.055.000 euro all’anno) vuole andare in questa direzione”.
Il commento di Bruno Moretto, segretario del Comitato bolognese Scuola e Costituzione Leggi di più a proposito di Moretto: “No allo smantellamento della scuola pubblica. Via il progetto di Fondazione”

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi