Elezioni - Foto di Davide e Paola

Non ci salverà il premio di maggioranza

di Alfiero Grandi

Abbiamo tentato in tutti i modi di lanciare l’allarme sui risultati nefasti di questa legge elettorale. Nessun ascolto. Il rosatellum porta nel nome l’impronta indelebile di chi l’ha voluta fortemente. Ci sono stati anche furbi conprimari che l’hanno condivisa come FI e Lega e degli entusiasti sostenitori come il governo Gentiloni che ha messo ben 8 fiduce per ottenerne l’approvazione, malgrado all’insediamento avesse promesso che avrebbe lasciato fare al parlamento. Il parlamento non ha potuto cambiare una virgola dell’intesa tra Pd, Lega e FI.

Il punto non è il sommovimento politico che c’è stato e nessun sistema elettorale poteva nascondere. Mentre il Pd e il governo continuavano a dipingere la situazione del paese in rosa, come se fosse possibile dipingere la realtà diversa da quella che è, altri hanno dato voce al malessere profondo di un aumento della povertà e della divaricazione sociale denunciati anche dalla Banca d’Italia e dalla caduta libera del ruolo del lavoro, dall’aumento esponenziale della precarietà.

Chi ha dato voce al malessere è stato premiato. La resistenza ad ammettere la verità ha finito con il caricare una potente molla anticasta, vissuta come sempre più sorda e lontana. L’esito era prevedibile e previsto ma c’è chi testardamente si è rifiutato di affrontare la realtà. Lega e 5Stelle sono cresciuti entrambi, per ragioni non sovrapponibili. Avere due vincitori si è rivelato un problema difficile da risolvere, se dovessero sovrapporsi troppo uno dei due sarebbe destinato a soccombere all’altro.
Leggi di più a proposito di Non ci salverà il premio di maggioranza

Referendum scuola pubblica, la denuncia del comitato: “Pochi seggi e in luoghi quasi inarrivabili”

Comitato Articolo 33
Comitato Articolo 33
del Nuovo Comitato articolo 33

Bologna, referendum comunale del 26 maggio: la penuria di sedi di seggio è impressionante; la loro dislocazione rispetto ai luoghi di residenza del tutto inadeguata ad accogliere i potenziali aventi diritto di voto; decine di migliaia di cittadini saranno costretti a percorrere anche 6 kilometri per raggiungere il proprio seggio. Il diritto di voto è ostacolato e reso disagevole in modo inaccettabile. Illegale la concessione di piazza Maggiore per iniziative politiche sabato 25 maggio giorno di silenzio elettorale.

È finalmente stato reso pubblico dal Comune il giorno 6 maggio lo stradario di riferimento dei seggi. Qui (pdf, 51KB) una prima tabella con alcuni dei casi più vergognosi: in particolare 9.000 elettori di Via Toscana e limitrofe saranno costretti a votare nei seggi di via del Paleotto 11 non accessibili dai mezzi pubblici e in particolare dagli anziani, i diversamente abili, coloro non dotati di mezzi propri. Altri 7.500 residenti in zona Via emilia ponente, zona fossolo dovranno accedere a seggi dislocati a chilometri dalla residenza.
Leggi di più a proposito di Referendum scuola pubblica, la denuncia del comitato: “Pochi seggi e in luoghi quasi inarrivabili”

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi