Che c’è di vero nell’articolo di Marco Travaglio sulle Ong

di Annalisa Camilli

Il 10 luglio sulla prima pagina del Fatto quotidiano il direttore Marco Travaglio ha firmato un editoriale dal titolo “Sotto la maglietta” su una delle questioni più delicate e più strumentalizzate dalla politica italiana degli ultimi anni: l’immigrazione lungo la rotta del Mediterraneo centrale. Travaglio torna a parlare del ruolo delle ong preoccupato che “decine di amici” del suo giornale abbiano deciso d’indossare una maglietta rossa per aderire all’iniziativa lanciata con lo slogan “Fermare l’emorragia di umanità” dal fondatore di Libera don Luigi Ciotti, dopo la chiusura dei porti alle navi delle ong e la morte di centinaia di persone davanti alla Libia.

Travaglio sostiene che ci sia un legame “ormai acclarato” e “rivendicato” tra le ong e i trafficanti libici, ma questa affermazione ha suscitato molto sconcerto in giornalisti ed esperti della materia. “Per interesse personale e professionale avrei bisogno di sapere nel dettaglio ‘acclarato’ da chi e ‘rivendicato’ da chi”, ha chiesto su Twitter il giornalista e conduttore televisivo Diego Bianchi, interpretando i dubbi di molti. La domanda è legittima visto che le numerose indagini che sono state aperte dalle procure siciliane su presunti contatti tra scafisti (e non trafficanti) e navi umanitarie non hanno portato a nessun rinvio a giudizio. Anzi la procura di Palermo ha recentemente archiviato un’indagine su presunte connivenze tra due ong (Sea Watch e Open Arms) e gli scafisti. La notizia è stata riportata anche dal Fatto.
Leggi di più a proposito di Che c’è di vero nell’articolo di Marco Travaglio sulle Ong

La presidente di Msf Italia: “Eravamo angeli, ora ci insultano e ci chiamano vicescafisti”

di Francesco Anfossi

“Purtroppo l’avverto questa cosa. C’è molta più ostilità nei nostri confronti rispetto al passato. Eravamo gli angeli del Terzo Mondo, ora siamo i vicescafisti. Anche se in fondo definirci angeli era un po’ troppo anche per noi: siamo persone normali, con una professione e un’esperienza alle spalle, che hanno deciso di intraprendere questa vita: salvare e assistere la gente in difficoltà laddove ce n’è bisogno, come appunto nel Mediterraneo”. Claudia Lodesani, 46 anni, modenese, medico infettivologo, è la presidente di Medici senza frontiere, la sezione italiana dell’organizzazione non governativa Medecins sans frontiéres, nata in Francia nel 1971 e presente in 72 Stati.

Ogni anno partono alla volta di Paesi devastati dalla guerra, dalle carestie e dalle epidemie 3 mila operatori tra medici, infermieri e altro personale, solo dall’Italia 400. Sono 42 mila gli operatori Msf includendo lo staff assunto localmente. Dal 2015 Msf opera anche nel Mediterraneo centrale, in particolare con navi proprie o in collaborazione con altre organizzazio0ni, dopo lo smantellamento della missione della Marina Italiana Mare Nostrum”.

La vicenda della nave Aquarius, la vostra nave di salvataggio in collaborazione con Sos mediterranée con 630 naufraghi a bordo, cui il ministro degli Interni italiano Salvini aveva impedito l’approdo nei nostri porti, infine accolta dalla Spagna, si è conclusa felicemente. Cosa ricorda di quei giorni?
Leggi di più a proposito di La presidente di Msf Italia: “Eravamo angeli, ora ci insultano e ci chiamano vicescafisti”

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi