Addio a Sandro Provvisionato, cronista con la passione della verità

di Loris Campetti

Una passione per il giornalismo, una passione per la verità, una passione per la democrazia. È morto lunedì 30 ottobre Sandro Provvisionato, un amico e un compagno. Aveva iniziato fin da piccolo a scavare dentro le notizie e non ha mai smesso. Ci ha insegnato che si può fare un mestiere a rischio come quello del giornalista senza mai piegare la testa e senza mai girarla dall’altra parte: indipendente sempre, sia che lavorasse per la l’agenzia Ansa sia che dirigesse Radio Città Futura, o per l’Europeo o come capocronaca del Tg5 di Mentana dove si è inventato il settimanale d’inchiesta internazionale Terra!. E, soprattutto, la sua creatura: www.misteriditalia.it.

Dal caso Moro al “pentimento” di Patrizio Peci, dalla Uno bianca ad Ali Agca, non sono i misteri che mancano nel paese della strage di stato, e Sandro li ha attraversati e raccontati tutti in tantissimi libri, saggi, interventi. Una vera militanza al servizio della verità, anche quella scomoda. Sandro rispettava le persone, non i potenti. Nella guerra “umanitaria” alla Jugoslavia, nel Libano occupato da Israele, in Iran e Iraq, nel Kosovo delle armi, della droga e della pulizia etnica. Dalla parte dei più deboli, per esempio dei palestinesi. Qualche anno fa mi propose di fare un viaggio insieme in Iran, paese che Sandro conosceva e aveva raccontato.
Leggi di più a proposito di Addio a Sandro Provvisionato, cronista con la passione della verità

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi