Fiat - Foto di Martin Abegglen

Rappresentanza: un’imposizione in fabbrica che porta a sanzioni. Il caso Fiat

di Ciro d’Alessio

Un giorno in azienda il padrone convoca la Rsu e comunica che “al fine di gestire situazioni di crisi o in presenza di investimenti significativi per favorire lo sviluppo economico ed occupazionale dell’impresa”, ha bisogno di modificare “la prestazione lavorativa, gli orari e l’organizzazione del lavoro”.

Ciò significa che può aumentare ritmi delle linee di montaggio, aumentare l’orario di lavoro giornaliero o tagliare le paure e spostare la mensa a fine turno. Ci ritroveremo in breve tempo con una fabbrica completamente riorganizzata, con gravi ricadute sulle condizioni materiali dei lavoratori e con seri rischi per la sicurezza degli stessi.

Ora mettiamo il caso che dopo una settimana o due un gruppo di lavoratori chiama la Rsu di fabbrica per denunciare i carichi eccessivi a cui sono sottoposti chiedendogli di intervenire perché la vita in fabbrica è diventata insostenibile. La Rsu chiederà ed otterrà un incontro con l’azienda nel corso del quale denuncerà le ricadute negative che la riorganizzazione del lavoro ha portato sulle linee.

La risposta dell’azienda sarà senza batter ciglio che lei altro non sta facendo che applicare la terza parte del testo unico sulla rappresentanza: titolarità ed efficacia della contrattazione collettiva nazionale di categoria e aziendale. A questo punto dinanzi al rifiuto dell’azienda la Rsu per far valere le ragioni dei lavoratori che rappresenta può solo scioperare, cercando mediante il conflitto di migliorare le condizioni dei lavoratori.
Leggi di più a proposito di Rappresentanza: un’imposizione in fabbrica che porta a sanzioni. Il caso Fiat

“Fiom. Viaggio nella base dei metalmeccanici”: un documentario che nasce in Emilia e raccoglie voci di lavoratori di tutta Italia

In sostanziale concomitanza alla presentazione del referedum sull’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori – referendum che sta creando reazioni contrastanti anche all’interno delle formazioni di centrosinistra – arriva Fiom. Viaggio nella base dei metalmeccanici: Il documentario nasce da un progetto di Giuliano Bugani in seguito all’accordo sulle rappresentanze sindacali firmato da Cgil, Cisl, Uil e […]

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi