Nadia Urbinati: “I diritti vanno difesi, conquistarli sulla carta non basta”

di Antonio Fico «L’avanzata dei diritti nel nostro paese, a partire da quelli che riguardano le relazioni di genere, è stata significativa soprattutto grazie alle battaglie politiche e sociali. Ma i diritti si possono perdere. Oggi, ad esempio, c’è chi vorrebbe riportarci indietro». Nadia Urbinati, politologa della Columbia University, riflette con noi sul libro che […]

Crisi, élite italiane e conformismo dell’informazione

L'altra Europa con Tsipras
L'altra Europa con Tsipras
di Sergio Caserta

La confusione politica e la manipolazione dell’informazione nel nostro Paese, sfiorano limiti inimmaginabili anche solo dieci anni fa. È un dato di fatto che il declino economico e sociale ci vede agli ultimi posti in Europa. Eravamo una potenza industriale, contendevamo il primato delle esportazioni alla Germania e ora ci troviamo a mendicare l’intervento di capitali stranieri per salvare le nostre maggiori aziende boccheggianti mentre i furbi sono andati a produrre dove la manodopera e le tasse costano niente.

Non era scontato che finisse così: la genialità italiana, la capacità di creare e innovare, di trasformare ci aveva posto ai vertici dei paesi industrializzati. Poi è venuto il liberismo ma sono venuti soprattutto Craxi, Forlani e poi Berlusconi e una classe dirigente che ha dilapidato un patrimonio.

Forse le cause sono ancora precedenti, sono nella politica degli sprechi e della distruzione di risorse e abbandono del ruolo pubblico nell’economia, nella corruzione e nella perdita di funzione di una sinistra che si è perfettamente omologata e integrata nel sistema di valori capitalistico come in nessun altro Paese è mai accaduto.

Ora la crisi sta mordendo duro e la società è piegata sotto il peso della disoccupazione e soprattutto per la mancanza di sicurezze per il futuro. In più l’Europa madre maligna ci costringe a una cura da cavallo che corre il rischio di ammazzarci definitivamente. Le nostre élite dirigenti, sempre pronte a criticare tutto e tutti, diventano però mansueti orsacchiotti quando si tratta di affrontare il potere.
Leggi di più a proposito di Crisi, élite italiane e conformismo dell’informazione

“Quando si pensava in grande”: le fotografie dell’evento bolognese dedicato al libro di Rossana Rossanda

Lunedì 13 gennaio 2014, promossa dall’associazione Il Manifesto in rete, alla libreria Feltrinelli di Bologna, è stato presentato il libro di Rossanna Rossanda Quando si pensava in grande, una raccolta di 20 interviste ad alcuni ai maggiori dirigenti della sinistra internazionale ed europea, lungo il corso di cinquant’anni. Hanno partecipato all’evento Nadia Urbinati, politologa della […]

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi