Educazione fisica a scuola: in Italia in vigore il fai da te

di Lorenzo Vendemiale “Forza bambini, tutti in palestra a fare educazione fisica”. Solo che manca l’insegnante di educazione fisica, e molto spesso persino la palestra. Lo Stato se ne disinteressa da sempre, il Coni ha provato a metterci una pezza, allargandosi su competenze non sue, con risultati altalenanti. Così lo sport nella scuola italiana resta […]

Il turismo, i beni culturali e il suk dei ministeri

di Salvatore Settis Ma il Turismo deve stare con i Beni Culturali o no? Si protestò sia quando (governo Conte 1) il leghista Centinaio lo pretese per l’Agricoltura strappandolo ai Beni Culturali di Bonisoli sia ora che Franceschini lo riporta ai Beni Culturali, subito accusato di mercificare la bellezza. Le cose sono più complicate di […]

Valutiamo, sempre valutiamo, fortissimamente valutiamo

Leibniz, Spinoza, Cartesio
Leibniz, Spinoza, Cartesio
di Maurizio Matteuzzi

Certo oggi, soprattutto dalla gestione renziana, si fa una notevole fatica a capire che cosa sia di origine e volontà berlusconiano e che cosa sia invece il valore aggiunto del partito democratico. E non mi azzardo ad usare termini come “destra” e “sinistra”, per non suscitare il solito inutile vespaio. E poi “sinistra” non si usa neanche più; nella mia città c’è un cantiere, c’è un passaggio obbligato, e c’è un cartello: “pedoni a destra”. Ho avuto la curiosità di rifare il tragitto in senso contrario, tanto per vedere scritto “sinistra”. Ebbene, c’era scritto: “pedoni sul lato opposto”. Vabbe’.

Comunque sia, l’esplosione di un vero e proprio delirio valutativo è ora ben consolidata, e universalmente condivisa, qualsiasi sia stato il padre, che, come recita l’adagio, non è certo. E se facessimo la prova del DNA, be’, temo fortemente che verrebbero uguali. La madre invece è certa, ma temo non sia ammesso il turpiloquio che mi servirebbe.

È in ogni caso scoppiata la bolla valutativa. Sul piano dell’università, valutiamo gli atenei, valutiamo le strutture interne, i dipartimenti, i dottorati, i professori…; adesso abbiamo la VQR, l’ANVUR, l’accreditamento dei corsi di studio, e così via. Lo stesso è stato annunciato, con i soliti toni epocali (sono almeno dieci anni che i nostri politici fanno esclusivamente cose epocali, mai niente di normale) anche per la scuola. Meritocrazia, cavolo.
Leggi di più a proposito di Valutiamo, sempre valutiamo, fortissimamente valutiamo

Antavleva: una parola suscita attese che spesso non corrispondono alla realtà

Le Mie Parole - Foto di Jody Sticca
Le Mie Parole - Foto di Jody Sticca
di Maurizio Matteuzzi, università di Bologna

Ho conosciuto persone che fanno l’etimologia delle parole basandosi sulla somiglianza. La forzatura di etimi di fantasia è peraltro un classico anche di grandi pensatori, che spesso l’hanno fatto subendo il fascino della forza evocativa del nome; come dire, magari sapevano benissimo che non è così, ma avrebbero voluto che lo fosse. Tanto per fare il caso più paradigmatico, si pensi alla lunga ipotiposi di etimologie spesso improbabili che ci regala il Cratilo di Platone. E così “corrano i corrieri, ammirino gli ammiragli”, come scriveva tempo fa Tullio De Mauro in un gustoso articolo.

E tuttavia, e tuttavia… ripensandoci, forse ha ragione Eco, o forse Abelardo: stat rosa pristina nomine; nomina nuda tenemus. Come dire, il nome, se non altro, indica un auspicio, fornisce aspettative, è, in definitiva, spesso, un ottativo del cuore, per dirla con Feuerbach. È vero che a volte accade che uno chiami il figlio “Bruno”, e questo diventi biondo come un vichingo. I futuri contingenti giocano a dadi con la volontà degli uomini; ma se chiamo mia figlia “Gioia”, è perché le auspico un futuro felice, e questo qualcosa vorrà pur dire. Così come non lascia dubbi il nome che uno sciagurato padre romagnolo impose a una figlia: “antavleva” (ad uso degli alloglotti, “non ti volevo”).
Leggi di più a proposito di Antavleva: una parola suscita attese che spesso non corrispondono alla realtà

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi