Corruzione: “L’hanno sempre fatto”, così la mazzetta diventa impunita e organizzata

di Alberto Vannucci

Un silenzio tombale è sceso nella campagna elettorale di quasi tutti i partiti sui temi della lotta alla corruzione e alle organizzazioni mafiose: questioni datate, polverose, ormai vintage in un’epoca dominata da ossessioni sulla sicurezza e dalla caccia all’immigrato clandestino. Nell’indifferenza di troppi elettori si sono così moltiplicate le candidature di impresentabili, con pregiudicati in grande spolvero e protagonisti (o comprimari) di scandali gratificati dai rispettivi partiti col collocamento in lista per un seggio sicuro.

Del resto non sembrano preoccupare o turbare il sonno dell’opinione pubblica il proliferare di politici e funzionari corrotti, né di imprenditori e professionisti corruttori, e neppure dei loro interlocutori più o meno contigui ai gruppi mafiosi – in fondo vox populi vuole che “la mafia dia lavoro, lo Stato lo distrugga”. Forse perché i “colletti bianchi” che dominano l’universo del malaffare indossano giacche e cravatte griffate, si muovono con passo felpato nelle stanze e nelle anticamere del potere, padroneggiano procedure, codici e codicilli, realizzando quella che sempre più spesso si configura come una forma di corruzione legalizzata.

Il giudice Piercamillo Davigo propose un semplice calcolo per misurare l’asimmetria nell’aritmetica del furto: quante centinaia o migliaia di anni di attività ininterrotta occorrerebbero a uno scippatore per produrre lo stesso danno economico di un singolo crack bancario, di un dissesto finanziario, delle voragini nei bilanci pubblici delle tangenti per la realizzazione di una grande opera? E come si rapportano quelle somme con l’allarme suscitato dalle due diverse categorie di soggetti?
Leggi di più a proposito di Corruzione: “L’hanno sempre fatto”, così la mazzetta diventa impunita e organizzata

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi