Io sono l'ultimo. Lettere di partigiani italiani

“Io sono l’ultimo. Lettere di partigiani italiani”: i protagonisti raccontano la Resistenza

di Andrea Liparoto, curatore del volume Io sono l’ultimo. Lettere di partigiani italiani (Einaudi) con Stefano Faure e Giacomo Papi

“Guai a far naufragare la Resistenza nelle parole encomiastiche. Basterà dire che un tempo lontano c’erano dei giovani. E poi iniziare a raccontarla da quel punto. Ritrovo con commozione i compagni persi nelle boscaglie, nei greti dei fiumi… Se potessero parlare direbbero: non vogliamo essere celebrati, ma amati”.

Non usa mezze parole Nello Quartieri, 91 anni, ventenne comandante di Brigata durante la Guerra di Liberazione. Se la Resistenza deve continuare ad essere una risorsa per il futuro va fatta scendere dai palchi della retorica per circolare nelle coscienze e nei cuori in tutta la sua vitalità civile e umana. La Resistenza va amata. Una appassionata raccomandazione questa che attraversa – a mo’ di filo conduttore – tutte le 128 testimonianze contenute nel volume “Io sono l’ultimo – lettere di partigiani italiani” ed. Einaudi da pochi giorni nelle librerie.

Un progetto nato nel 2010, quando Giacomo Papi, giornalista, innamoratosi delle parole di una partigiana, Annita Malavasi “Laila”, venne a bussare alle porte dell’ANPI Nazionale per chiederci di collaborare ad una raccolta di racconti degli ultimi protagonisti viventi della Resistenza: un messaggio corale alle ragazze e ai ragazzi di oggi. E i nostri partigiani hanno colto immediatamente l’importanza e la necessità di “darsi”, ancora una volta, forse l’ultima. Un antico senso di responsabilità mai sopito.
Leggi di più a proposito di “Io sono l’ultimo. Lettere di partigiani italiani”: i protagonisti raccontano la Resistenza

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi