Roberto Roversi

Roberto Roversi, per come l’ho conosciuto

di Rudi Ghedini

La prima volta era l’aprile del 1985. La Fgci gli fece una proposta e lui si rese disponibile per coordinare un foglio di poesia e prosa finalizzato alle elezioni comunali di Bologna: si chiamava “I prati di Caprara”, uscì 6 volte fra il 30 aprile e il 12 maggio, riprendendo un’idea che Roversi aveva inaugurato con “Il Foglio dei Quattro Giorni”, nel primo anniversario della strage del 2 Agosto. Roversi è morto ieri, a 89 anni; seguendo le sue disposizioni, i familiari hanno ritardato l’annuncio della sua scomparsa, non ci saranno cerimonie, né commemorazioni né camera ardente.

Non lo vedevo da 3-4 anni, da quando la malattia gli aveva fatto preferire un ritiro dignitoso, riservando la sua “visibilità” a un ristrettissimo numero di amici. Prima, l’ho incontrato decine e decine di volte, la sua scomparsa mi provoca un dolore acuto, dubito di trovare le parole giuste per comunicarlo. Lui, le parole, sapeva trovarle come nessun altro. Non esito a dire che è la persona più colta e generosa, affettuosa e carismatica che ho avuto la fortuna di frequentare. Provo per lui gratitudine. Mi ha segnalato per partecipare alla prima Biennale dei giovani artisti dell’Europa mediterranea (Barcellona, novembre 1987). Mi ha scritto la prefazione a un libro uscito nel 2002 (“Bye Bye Bologna. Cronaca irriguardosa della fine di un simbolo”), prima e dopo ha scritto per i piccoli giornali – “Nunatak, “Zero in condotta” – che ho contribuito ad animare. Conservo ogni testo dattiloscritto, con le correzioni a mano in quella sua accurata, meravigliosa calligrafia.
Leggi di più a proposito di Roberto Roversi, per come l’ho conosciuto

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi