Tag Archives: fiom

Michele De Palma: “La Fiom mette Fca sotto inchiesta”

di Tommaso Cerusici

Nel 2017 prende avvio la ricerca su Fca e Cnh promossa dalla Fiom nazionale insieme alla Fondazione Claudio Sabattini, con la collaborazione della Cgil nazionale e della Fondazione Di Vittorio. Su ragioni e obiettivi di questa ricerca, alla situazione attuale nel gruppo Fca e Cnh abbiamo intervistato Michele De Palma, Responsabile settore automotive della Fiom nazionale.

Perché come Fiom avete deciso di dare il via ad una ricerca su Fca e Cnh?

Perché per guardare al futuro bisogna aver chiara la situazione attraverso un bilancio. L’inchiesta sul mondo Fca e Cnh è fondamentale se si vuole davvero decidere con i lavoratori. Dal 2011 – cioè dall’entrata in vigore del contratto collettivo specifico di lavoro con la conseguente esclusione della Fiom dagli stabilimenti, alla presentazione del piano industriale e finanziario da parte dell’amministratore delegato Marchionne – tante cose sono cambiate e vogliamo fare il punto della situazione per capire come le lavoratrici e i lavoratori hanno vissuto questi anni e quali sono gli elementi sui quali investire la nostra iniziativa di carattere sindacale e contrattuale per il futuro.

Perché il 2018 è un anno cruciale: c’è una precisa coincidenza che è data dalla scadenza del piano industriale e occupazionale, dalla scadenza del contratto collettivo specifico di lavoro e dalla scadenza, in alcuni degli stabilimenti più importanti, degli ammortizzatori sociali. Infine, anche gli assetti proprietari e finanziari sembrano essere in evoluzione, detta in modo semplice: sarà ancora Marchionne l’amministratore delegato? Fca venderà degli asset o finirà in un processo di fusione? Con quali effetti industriali e occupazionali? L’incrocio di tutti questi fattori e delle incognite determina per noi un’evidente evoluzione nel conflitto di questi anni, per continuare ad avere uno sviluppo industriale ed occupazionale e uno spazio di contrattazione democratico per i lavoratori.

Francesca Re David (Fiom): “Un contratto riconquistato grazie all’unità dei lavoratori”

Francesca Re David

Francesca Re David

a cura di Tommaso Cerusici

Con il referendum del 19-20-21 dicembre 2016 i metalmeccanici hanno approvato, con l’80% dei voti a favore, il nuovo contratto di categoria. Un contratto unitario, che ha visto circa 350 mila lavoratori partecipare alle consultazioni. In merito al recente accordo unitario per il rinnovo del CCNL dei metalmeccanici, Tommaso Cerusici ha intervistato per Inchiesta Francesca Re David, segretaria generale della Fiom di Roma e del Lazio e presidente del Comitato Centrale della Fiom.

Qual è la genesi di questo contratto?

Il contratto nasce con due piattaforme sindacali distinte, quella della Fiom da una parte e quella di Fim e Uilm dall’altra. A queste due va aggiunta la proposta di Federmeccanica, chiamata “rinnovamento contrattuale”, proprio per dare l’idea di un’ipotesi di cambiamento totale della struttura del contratto nazionale. Queste erano le premesse e, invece, oggi siamo di fronte ad un accordo unitario, sottoposto all’approvazione dei lavoratori tramite il voto.

È la prima volta che un contratto nazionale parte con due piattaforme separate e si conclude con un accordo unitario. Noi veniamo da 15 anni di intervalli tra accordi separati e accordi unitari (negli ultimi 8 anni sempre e solo accordi separati), quindi da un situazione estremamente complessa.

Claudio Sabattini: una tesi, alcune lezioni

Claudio Sabattini

Claudio Sabattini

della Fondazione Claudio Sabattini

A tredici anni dalla scomparsa di Claudio Sabattini, la Fondazione che porta il suo nome e MetaEdizioni, pubblicano la versione on line della sua tesi di laurea, Rosa Luxemburg e i problemi della rivoluzione in occidente (l’edizione cartecea è del 2006 ed è esaurita).

Non è solo un’occasione per ricordare il dirigente sindacale – segretario generale della Fiom dal 1994 al 2002 -, il compagno, l’amico. È soprattutto un modo per riprendere il filo di un discorso utilizzando un lavoro che della tesi di laurea ha solo l’involucro quasi occasionale, ma che è caratterizzato dalla ricerca militante e dalla passione politica. Il “fine” è tutt’altro che accademico – fin dal titolo – e l’impianto è del tutto coerente e interno al contesto in cui la tesi viene presentata.

Siamo nel 1970, Claudio è appena stato eletto segretario generale della Fiom bolognese – dopo anni di lavoro in Cgil e di militanza nel Pci; alle spalle ha il ’68 studentesco, di fronte un “rivolgimento” sociale e soprattutto operaio che apre la strada alla stagione dell’autonomia di classe. E, allora, i “problemi della rivoluzione in occidente” non sono un richiamo all’ortodossia marxista ma il concreto interrogarsi sulle questioni basilari dei rapporti di produzione, delle relazioni sociali e dei suoi conflitti, del potere che si contrasta e di quello che si costruisce in questo contrasto conflittuale.

Morti sul lavoro, morti di lavoro

Morti sul lavoro

Morti sul lavoro

di Gianfranca Fois

Nei giorni scorsi la Saras ha risarcito in sede civile la Fiom per la morte di tre operai avvenuta il 26 maggio 2009 per intossicazione mentre effettuavano un intervento di desolforazione in una cisterna della raffineria. La cifra è stata devoluta dalla Fiom per la realizzazione dell’insonorizzazione della sala di registrazione nel Parco comunale della musica “26 maggio” a Villa S.Pietro, paese d’origine dei tre operai.

Ma purtroppo dei morti sul lavoro non si parla quasi più così come di sicurezza sul lavoro. In un tempo in cui i diritti dei lavoratori vengono smantellati punto per punto, sembrano essere diventati argomenti obsoleti, ostacolo per il dispiegamento delle potenzialità di imprese, società, multinazionali. Conquistano l'”onore” della prima pagina solo quando le morti interessano almeno tre o più lavoratori contemporaneamente.

Eppure le morti sul lavoro non sono diminuite come facevano supporre i dati Inail del decennio 2005- 2014. Infatti questi dati tengono conto solo degli iscritti all’Istituto, non contano cioè chi ha una diversa assicurazione, chi lavora in nero, i vigili del fuoco, gli appartenenti alle forze dell’ordine, quanti perdono la vita in itinere, spesso a causa della stanchezza accumulata per turni troppo lunghi, per lo stress e la fatica del lavoro.

Nonostante ciò anche l’Inail nel 2015 ha registrato un aumento di morti sul lavoro a fronte di una diminuzione di incidenti, ma il dato preoccupante è che su un certo numero di infortuni mortali denunciati l’Istituto ne riconosce un numero decisamente inferiore. Ad esempio nel 2014 ci sono state 1107 denunce per infortunio mortale, gli infortuni mortali riconosciuti sono stati 662 mentre 26 sono in istruttoria.

21 novembre: con la Fiom contro il Jobs act e la legge di stabilità

Fiom

Fiom

dell’Altra Emilia Romagna

Saremo alla manifestazione con la Fiom per dire no al governo Renzi, al Jobs act, alla legge di stabilità, alle riforme costituzionali, che rivelano sempre più il disegno organico che le classi dominanti di questo paese, d’intesa con l’Unione Europea, perseguono: ristabilire i rapporti di forza che garantiscano ai grandi potentati economico-finanziari il pieno controllo delle leve del potere, per lo sfruttamento delle risorse, dei mercati, della manodopera. Senza intoppi, né limiti, né mediazioni; senza che lotte e opposizioni possano costituire un limite alla rapacità del grande capitale.

Tale disegno è stato perseguito sferrando il più forte attacco mai condotto alla classe lavoratrice da cinquant’anni a questa parte. La posta in gioco è tale da mettere in ginocchio il mondo del lavoro, umiliarlo, dividerlo, isolarlo. Solo così è diventato più facile cancellare le conquiste strappate nel corso di lotte durissime. Solo così è diventato più facile negare la rappresentanza al mondo del lavoro, negarne la soggettività politica, la capacità di lotta.

Il Jobs act ha reso tutti flessibili e precari, sottoposti al ricatto della parte datoriale, senza diritti, senza tutele, senza prospettive. Non sono aumentati in realtà i posti di lavoro, ma è cresciuta la platea degli imprenditori che hanno approfittato degli sgravi fiscali e del nuovo quadro normativo: tanto senza art. 18 si assume e si licenzia quando si vuole.

A fianco dei lavoratori a tutele decrescenti, rimangono in questo paese 5 milioni di contratti precari, nuove forme di lavoro schiavile senza prospettiva, e tutti coloro (un giovane su quattro) che non studiano, né lavorano, né cercano più un impiego.

La nuova finanziaria continua a riproporre la solita ricetta, quella che ha prodotto la crisi: largheggia in sgravi fiscali, incentivi, sostiene i processi di ristrutturazione industriale, gli investimenti speculativi, mentre governo e Confindustria si fanno l’occhiolino nello sferrare con azioni congiunte e sinergiche un attacco senza precedenti alla contrattazione nazionale collettiva a favore della contrattazione aziendale, che aumenterà la frammentazione e punterà a legare il salario alla produttività aziendale.

Unire ciò che questo sistema economico-produttivo divide è oggi la parola d’ordine attorno a cui costruire la coalizione sociale: dobbiamo ricreare attorno ai lavoratori un forte blocco sociale, che restituisca valore e dignità al lavoro, al futuro, alla vita delle persone.

Coalizione sociale, le donne e il femminismo: una lettera-invito a Maurizio Landini

Maurizio Landini

Maurizio Landini

di Carla Colzi, Luisa Ferrari, Susanna Lai, Carmen Marini, Clelia Mori e Tina Romano

Quando parla Maurizio Landini, senti che lo fa col cuore, con tutta la passione politica di chi sa cos’è, perché l’ha provata, la fatica e lo sfruttamento delle mani e del cervello di chi cerca uno stipendio per vivere, e capisci che Landini cerca per loro non solo lo stipendio ma anche la dignità di chi lavora in una democrazia più matura, non di rapina.

Nel documento che la Fiom ha elaborato c’è un punto in cui si parla “di voler dimostrare – come ha capito il movimento delle donne – che si può fare politica attraverso un agire condiviso tra soggetti diversi… al di fuori e non in competizione rispetto a partiti…ciascuno di noi offrirà il contributo delle proprie migliori pratiche e saperi in reciproca autonomia…”

Come femministe reggiane, che da anni lavorano con la Cgil Provinciale e hanno frequentato la politica dei partiti e sono in relazione col femminismo diffuso in Italia, questo ci interessa e ci chiediamo cosa voglia dire, senza aspettare cosa nascerà per poi prendere o lasciare. Tante nascite politiche hanno visto dentro le donne, però incluse, sottintese, conciliative e non si sono prodotte modificazioni nelle pratiche politiche, rimaste sempre nella tradizione patriarcale. Ci interessa perciò interloquire con l’inizio della Coalizione sociale, ammesso che a Coalizione sociale interessi interloquire con noi.

Fiom: il 21 novembre 2015 manifestazione nazionale per il diritto alla salute

Unions

di Fiom Cgil nazionale

La legge finanziaria presentata dal governo e in discussione in queste ore in Parlamento, in continuità con il passato, ancora una volta si basa su tagli alla spesa pubblica a partire dalla sanità, su una politica di privatizzazioni e di svendita del patrimonio pubblico, su una politica fiscale ingiusta a favore delle imprese e della rendita e a scapito del lavoro dipendente.

Creando ulteriore ingiustizia non riduce la tassazione sul lavoro ma quella sulle proprietà immobiliari e utilizza le risorse di tutti per distribuire a pioggia in favore delle imprese. Per poter finanziare queste misure ingiuste il governo riduce i finanziamenti ai servizi essenziali – sanità, istruzione, trasporto pubblico – e conferma una scelta di fondo nelle politiche sociali messe in campo: il nostro paese é agli ultimi posti in Europa negli investimenti nella protezione sociale.

La manovra finanziaria del governo riduce il finanziamento alla sanità pubblica di 4,5 miliardi nel 2016, programma per gli anni successivi ulteriori tagli alla sanità per risparmiare sulla salute degli italiani: dal 2016 e fino al 2019 taglia complessivamente 20 miliardi di euro al servizio sanitario nazionale.

Non vengono garantiti i livelli essenziali di assistenza; al contrario l’inserimento di nuove prestazioni non accompagnate da nuove risorse creerà una inaccettabile selezione delle prestazioni perché aumentano le prestazioni da garantire ai cittadini ma diminuiscono le risorse necessarie al loro finanziamento.

Dal lavoro ai lavori, dai lavori al lavoro?

1 maggio, il riscatto del lavoro - Foto di iMec - Giornale metalmeccanico

di Tiziano Rinaldini

Le ricorrenti crisi interne al sistema che si è via via affermato nel mondo negli ultimi decenni dello scorso secolo hanno portato ad intensificare analisi e tentativi di ricostruirne origini e natura. Per chi sia interessato a leggere le dinamiche del capitalismo anche fondamentalmente come processi da leggere in funzione della ricerca da parte del capitale delle condizioni migliori possibili di dominio sul lavoro, si è così favorita la possibilità, ancora poco utilizzata, di sviluppare una conoscenza politica (una politica materialisticamente intesa) sul mondo attuale. Mi riferisco in particolare a quanto accaduto negli anni ’70; una fase decisiva nel gettare le basi della restaurazione capitalistica e nel delineare gli obiettivi di fatto perseguiti e le ragioni di fondo del successo e della sconfitta.

Si tratta del successo della restaurazione, della sconfitta e dell’esaurimento della tendenza che si era affermata soprattutto nel secondo dopoguerra in molti paesi europei e nel mondo che, pur nelle notevoli differenze tra i vari paesi, presentava alcuni fondamentali tratti in comune: regole generali che, a partire da alti tassi di occupazione, introducevano importanti garanzie sociali universalistiche; espansione dei diritti, di quelli sociali in particolare; in alcuni casi tentativi di democrazia economica; un buon livello di giustizia redistributiva; riconoscimento o accettazione di un ruolo forte del sindacato e della contrattazione collettiva generale. Alla base dell’affermarsi di questa tendenza, prevalentemente e diversamente da quanto ritenuto dai più, non sta tanto il movimento operaio riformista, ma piuttosto pensatori e politici borghesi, tutt’altro che interni al movimento operaio, che interpretarono la necessità di un cambiamento di democratizzazione nei rapporti con il lavoro che evitasse conseguenze di estrema radicalizzazione sociale e politica.

A Bologna festa nazionale della Fiom: si parte domani con Maurizio Landini

Festa Fiom 2015

di Giovanni Stinco, Radio Città del Capo

Tra il 25 e il 28 giugno al Parco delle Caserme Rosse di Bologna arriva Unions!, festa nazionale della Fiom di Maurizio Landini. L’ultima volta che i metalmeccanici scelsero le Due Torri per la loro kermesse, nel 2011, tra gli ospiti c’erano il sindaco di Bologna Merola, il governatore della regione Errani, la segretaria della Cgil Camusso e tutti i big dell’allora centro sinistra: Bersani, Vendola, Di Pietro. Quattro anni dopo la rivoluzione: a Unions! nessun politico locale, nessun ministro, spariti sia il Pd che Sel. L’unica traccia della politica italiana il dibattito a cui parteciperà Sergio Cofferati, europarlamentare che peraltro dal Pd è fuoriuscito in polemica. E mancherà anche la segretaria della Cgil Susanna Camusso. Come dire che alla Fiom i partiti italiani non interessano moltissimo, e anche la scena sindacale al momento non sembra in linea con la rotta immaginata dai metalmeccanici di Landini, quella della coalizione sociale.

“Vogliamo mettere assieme le esperienze sociali e culturali che hanno ragionato con la Fiom di coalizione sociale. Il sindacato è in crisi, anche assieme a loro vogliamo ricostruire e autoriformarci”, spiega il responsabile organizzativo della Fiom Emilia-Romagna Valerio Bondi. L’orizzonte politico della Fiom è quello europeo di Podemos e Syriza, con il dibattito “La rotta d’europa” assieme al ministro del lavoro greco Panagiotis e al segretario generale di Podemos a Madrid Montero. La società civile a cui guardano i metalmeccanici è invece quella di Don Ciotti di Libera, di Carlin Petrini e della sua Slow Food. C’è anche un parte di movimento, con l’invito a Gianmarco De Pieri del centro sociale bolognese Tpo. “Non ci interessavano i soliti dibattiti con sindacati e politica, tutte cose trite e ritrite. Vogliamo invece aggregare pezzi di società in un progetto sociale, parlare con chi non ha rappresentanza sindacale”, spiega Biondi. E la Cgil? “Non ho difficoltà a dire che la nostra linea è diversa. Il loro orizzonte è quello di accordarsi con Cisl e Uil, siamo lontani”.

Il programma di Unions!

Nessuno può farcela da solo: manifesto in vista del 6 e 7 giugno a Roma

Unions!

di Coalizione sociale promossa dalla Fiom

Associazioni, movimenti, sindacati, donne e uomini che in questi anni si sono battuti contro le molteplici forme d’ingiustizia, di discriminazione e di progressivo deterioramento dei diritti, decidono oggi di promuovere un cammino comune. In una società fondata sull’individualismo e sulla competizione tra le persone è necessario unirsi, fare rete, coalizzarsi. Dopo anni di crisi economica, sociale eambientale, di politiche di austerità, sappiamo che nulla può tornare a essere come prima, ma proprio per questo pensiamo sia possibile immaginare un futuro di solidarietà e giustizia. Consapevoli che nessuno di noi può farcela da solo a cambiare il corso degli eventi, che per evitare scelte individualistiche o corporative sia necessario unire le forze e l’impegno.

In questi anni le politiche europee e dei governi nazionali hanno liberalizzato il mercato del lavoro, ridotto gli spazi di cittadinanza, privatizzato la formazione, la sanità, i beni comuni e i servizi pubblici, avvelenato città e territori, impedito ogni politica industriale, ogni valorizzazione della conoscenza per tutti. Con l’obiettivo dichiarato di uscire dalla crisi. Così non è stato: il lavoro manca o è sempre più precario e povero, anche il lavoro autonomo e le professioni soffrono profondamente gli effetti della crisi, mentre quelle politiche hanno indebolito la democrazia, affidando a organismi tecnocratici il governo della vita concreta delle persone, dei loro bisogni e speranze. In Europa e in ogni suo singolo paese ricchezza e potere sono sempre più concentrati nelle mani di pochi e aumenta il numero di coloro che sono spinti sotto la soglia della povertà. La corruzione e l’economia illegale sono ormai parti costitutive di un modello di società in cui le persone e l’ambiente sono sempre più una variabile del mercato, saccheggiando le risorse del pianeta e modificandone il clima.