Acqua Pubblica

Acqua, è il momento di mobilitarsi

di Alex Zanotelli

In questi mesi ci giochiamo tutto sull’acqua. Serve una mobilitazione forte perché il Parlamento finalmente approvi una legge sull’acqua che rispetti il Referendum del 2011. In quell’occasione 26 milioni di cittadini hanno votato per togliere l’acqua al mercato, perché su un bene così scarso e prezioso non si può fare profitto. Dopo otto anni e ben cinque governi, ancora aspettiamo una legge. Anzi, tutti e cinque hanno favorito la privatizzazione dell’oro blu.

Ma i comitati per la gestione pubblica dell’acqua, insieme al Forum, non hanno mai smesso di ricordare alla politica il dovere di obbedire al Referendum, perché l’acqua è uno bene comune fondamentale, oggi messo in pericolo dal surriscaldamento del pianeta: avremo sempre meno acqua potabile disponibile. Ecco perché le multinazionali cercano di mettere le mani sull’oro blu, per venderlo come il petrolio.

Sarebbe una tragedia per l’umanità, soprattutto per i più poveri. Per fortuna papa Francesco nell’enciclica “Laudato Si” ha ricordato a tutti che “l’accesso all’acqua potabile e sicura è un diritto umano, essenziale, fondamentale e universale perché determina la sopravvivenza delle persone. È un diritto alla vita”. Un termine, vita, in campo cattolico usato per l’aborto e l’eutanasia. “Un’affermazione di radicale importanza – afferma la teologa americana Christiana Peppard -, un contributo essenziale al dibattito pubblico nell’era della globalizzazione economica”.
Leggi di più a proposito di Acqua, è il momento di mobilitarsi

Rodotà, il maestro del diritto che ci ha indicato la via

di Gaetano Azzariti

Stefano Rodotà era un maestro del diritto ma soprattutto un maestro di vita, non solo un raffinato intellettuale anche il protagonista di trent’anni di battaglie civili. Egli era convinto che la scienza giuridica non si potesse ridurre ad un puro specialismo. Il “diritto” era da lui considerato un mezzo per garantire i “diritti” concreti delle persone (il diritto di avere diritti, recita il titolo di uno dei suoi libri). Questo l’ha indotto a ingaggiare una battaglia contro il formalismo vuoto di molti giuristi di ieri e di oggi, ad impegnarsi per la realizzazione di una effettività dei diritti.

È l’impegno civile che deve sorreggere la vocazione del giurista, che deve indirizzare le sue riflessioni. Tra i compiti dello studioso c’è quello di guardare oltre l’astrattezza delle norme per riconoscere la materialità degli interessi sottostanti, non ci si può trincerare solo dietro il “baluardo” della forma, bisogna considerare anzitutto la persona in carne ed ossa, i suoi bisogni. Oltre il diritto c’è la vita, ha scritto Stefano Rodotà.

Una buona dose di “moralismo” – di cui egli ha fatto l’elogio – ha contrassegnato il suo modo di operare e l’ha indotto a concepire il suo ruolo come protagonista attivo dell’eterna lotta del diritto per dare dignità alle persone concrete, per migliorare le istituzioni democratiche. Un giurista della società civile che ha promosso il cambiamento sempre nel senso dell’estensione dei diritti al fine di “assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa” (com’è scritto all’articolo 36 della nostra costituzione, una formulazione particolarmente amata da Rodotà).
Leggi di più a proposito di Rodotà, il maestro del diritto che ci ha indicato la via

Cosa intendiamo oggi per “umanità”? Un dibattito sulla rivista “Parolechiave”

di Amina Crisma

Come ci ricorda Giacomo Marramao nel saggio introduttivo del nuovo numero (57/2017) di Parolechiave, rivista a lungo diretta da Claudio Pavone e poi da Mariuccia Salvati che dal 1993 è la nuova serie monografica del periodico Problemi del socialismo fondato nel 1958 da Lelio Basso, “la definizione di umanità e di umano è stata da sempre intrinsecamente conflittuale, in quanto ha sempre rappresentato un campo di lotta tra strategie, forze materiali, spinte ideali avverse, un terreno di scontro drammatico e spesso sanguinoso fra pratiche di potere e logiche discriminatorie verso l’esterno (autoctoni e stranieri, “noi” e “gli altri”) come verso l’interno (élite e massa)”.

“L’inumanità e la disumanità sono dunque state sin dalle origini innervate nell’umano come fattori costitutivi del suo significato”, e quindi “non è da oggi che si è prodotto lo sconfinamento tra umano e disumano: quello che a prima vista si presenta come confine è stato in realtà sempre una linea d’ombra lungo la quale venivano attivati tanto i rituali di inclusione quanto i meccanismi di esclusione o reiezione”. Così dunque tanto la soglia umano/disumano, che molte terribili vicende della storia passata e presente si incaricano di illustrare, quanto il transito umano/post-umano prefigurato nel presente e verosimilmente dispiegato in un inquietante futuro, sono entrambi espressioni di una costitutiva e tremenda ambivalenza dell’umano in sé, “capace di fare il male quanto il bene”, come ci rammenta l’Antigone di Sofocle.
Leggi di più a proposito di Cosa intendiamo oggi per “umanità”? Un dibattito sulla rivista “Parolechiave”

Diritto alle cure: l’epatite C e quei troppo pochi pazienti in terapia

di Gianluigi Trianni, medico sanità pubblica, Forum Salute Italia – Altra Emilia Romagna

È assolutamente preoccupante in termini di tutela della salute pubblica, di attuazione dei principi costituzionali e motivo di indignazione sul piano politico generale e sanitario il fatto, segnalato lo scorso 11 febbraio 2017 su Quotidiano Sanità, da Ivan Gardini, presidente di EpaC Associazione onlus di pazienti con epatite e malattie di fegato: nell’ultima settimana, secondo dati Aifa siano stati messi in terapia solo 160 pazienti su ben 335 centri a ciò autorizzati, a fronte di una incidenza (nuovi casi-anno) di epatite C acuta, a partire dal 2015, di a 0,2 per 100.000 persone, (cfr Gruppo di coordinamento Seieva – Sistema epidemiologico integrato dell’epatite virale acuta Cnesps-Iss – 28 07.2016) pari a 120 nuovi casi/anno, ed una prevalenza (tutti i casi/anno) di soggetti affetti da epatite C stimabili in 900.000 persone (Ansaldi et al, Journal of Medical Virology, 2005).

Squalificante per il servizio sanitario pubblico, per il governo e le regioni è il fatto che molti cittadini italiani siano già andati o si stiano organizzando per andare a procurarsi i farmaci generici in India, o li comprino online, o attraverso altre modalità, tanto quanto il fatto che non è finanziato alcun servizio di educazione sanitaria e nutrizionistica in favore di epatopatici per la riduzione dell’esposizione a fattori di rischio individuali per la progressione del danno epatico (fumo di sigaretta, diabete, obesità, consumo eccessivo di zucchero, latte e derivati e carne rossa) e l’accesso a fattori protettivi (consumo di caffè, alimenti con fibre e pesce, ed attività fisica) (A. Donzelli “HCV e prevenzione: no a screening di popolazione si a misure di prevenzione” in Evidence nov. 2016).
Leggi di più a proposito di Diritto alle cure: l’epatite C e quei troppo pochi pazienti in terapia

Frank Cimini: è la politica che trasforma la società, non il diritto

Frank Cimini
Frank Cimini
di Roberto Loddo

Frank Cimini è un cronista giudiziario dalla barba nera e la battuta pronta. Ha attraversato 36 anni di giornalismo giudiziario italiano svelando i retroscena del palazzo di giustizia di Milano. Ex ferroviere, poi praticante al Manifesto, per venticinque anni al Mattino, inviato al Palazzo di Giustizia di Milano. In pensione dalla fine del 2013, cura il blog Giustiziami.it insieme alla giornalista Manuela D’Alessandro.

Sono poche le voci del giornalismo che hanno maturato una sensibilità libertaria e garantista. Come sei arrivato ad occuparti di cronaca giudiziaria?

La mia formazione di cronista giudiziario nasce come continuazione dell’attività politica, mi occupavo delle ingiustizie del carcere e dei diritti dei detenuti. La professione giornalistica è stata l’evoluzione politica nata dalla militanza nella sinistra extraparlamentare da quando facevo parte di Soccorso Rosso.

La crisi della carta stampata e dei media tradizionali ha pregiudicato l’indipendenza e la qualità dell’informazione?
Leggi di più a proposito di Frank Cimini: è la politica che trasforma la società, non il diritto

Crisi e sindacato

Rappresentanza: un accordo non fa primavera

di Umberto Romagnoli, giuslavorista

Confesso che non ci credevo più. Non credevo che il contratto nazionale potesse risollevarsi e, come Lazzaro, riprendere a camminare. Mi aveva spinto a rassegnarmi l’intonazione della formula adottata nell’art. 8 del decreto governativo (poi convertito in legge) del 13 agosto 2011; un’intonazione che mi sembrò subito di poter definire gladiatoria in ragione tanto della latitudine della derogabilità degli standard protettivi, da quelli fissati nei contratti nazionali a quelli legislativi, ad opera della contrattazione collettiva di prossimità quanto dell’estremizzazione dalla logica economicistica.

Ma ciò che mi aveva più impressionato era il fatto che la radicalizzazione di un corporativismo esasperatamente aziendalizzato, in una con l’indebolimento del ruolo del contratto nazionale e, in prospettiva, la balcanizzazione delle relazioni sindacali, assumesse come modello di riferimento l’accordo interconfederale del 28 giugno 2011. Per 3/4 questa intesa riguardava la contrattazione aziendale (soggetti ed efficacia) e ne enfatizzava la centralità nella misura in cui le attribuiva la potestà di derogare alla contrattazione nazionale anche se ivi non prevista.

Da tempo, insomma, con una risolutezza che non ha precedenti, parti sociali e legislatore mandavano segnali di convergenza sulla necessità di emancipare il decentramento contrattuale da vincoli e limiti predeterminati. Si direbbe pertanto che, col protocollo d’intesa del 31 maggio di quest’anno, le parti sociali abbiano inteso rimediare all’evidente rachitismo della regolazione del contratto nazionale di lavoro: mentre le 14 righe del punto 1 dell’accordo di due anni fa contenevano poco più di un annuncio del proposito di fissare in maniera certa e trasparente i criteri di legittimazione della partnership contrattuale a livello nazionale, il protocollo dedica al medesimo tema un’attenzione che smentisce la sensazione che mi ha accompagnato negli ultimi tempi, e cioè che questa figura di contratto collettivo avesse i giorni contati. I 2/3 del nuovo testo hanno infatti la proprietà dei regolamenti esecutivi di principi che, enunciati in astratto, hanno bisogno di analitiche norme d’attuazione. Che adesso finalmente sono arrivate.
Leggi di più a proposito di Rappresentanza: un accordo non fa primavera

Esperienze da donna velata ovvero del diritto di portare un cappuccio a Bologna

Foto di Giuseppe Nicolorodi Francesca Colombo

Mi chiamo Giovanna, ho 50 anni, sono bolognese di origini bolognesi e ho passato tutta la mia vita a Bologna. Ovviamente di solito parlo la mia lingua madre, l’italiano, con un accento bolognese spiccato e ben riconoscibile. Sono chiara di occhi, di pelle e di capelli. Non sono musulmana, rispetto l’Islam come qualsiasi altra religione, né più né meno.

Quest’inverno, a causa del freddo, ho deciso di indossare sotto il piumone:

  • una felpa col cappuccio tirato su e legato intorno al viso, per proteggere dal freddo la testa e il collo
  • sotto il cappuccio, un berretto nero, per coprire meglio le orecchie.

Guardandomi allo specchio ho notato che questa tenuta mi faceva assomigliare vagamente a una donna musulmana velata; specialmente a quelle di loro che portano un foulard nero e sopra, appunto, un indumento col cappuccio (qualche anno fa, durante una vacanza in Marocco, ne ho incontrate parecchie, ma anche a Bologna se ne vedono). Ho deciso di non farci caso, convinta che si trattasse di una impressione soltanto mia e, comunque, che la gente avesse altro a cui pensare, di questi tempi poi.
Leggi di più a proposito di Esperienze da donna velata ovvero del diritto di portare un cappuccio a Bologna

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi