Nadia Urbinati: “I diritti vanno difesi, conquistarli sulla carta non basta”

di Antonio Fico «L’avanzata dei diritti nel nostro paese, a partire da quelli che riguardano le relazioni di genere, è stata significativa soprattutto grazie alle battaglie politiche e sociali. Ma i diritti si possono perdere. Oggi, ad esempio, c’è chi vorrebbe riportarci indietro». Nadia Urbinati, politologa della Columbia University, riflette con noi sul libro che […]

I dilemmi della lotta per il clima e l’ambiente

di Guido Viale La crisi climatica al centro degli allarmi lanciati da Greta Thunberg marcia parallelamente a una crisi ambientale, anch’essa planetaria, come ci ricordano sempre quelli di Extinction Rebellion, mentre la giustizia ambientale, cioè la salvaguardia e il rispetto della Terra, non può essere disgiunta dalla giustizia sociale, cioè dal riscatto degli oppressi, degli […]

A difesa della Carta restano gli studenti

di Tomaso Montanari e Francesco Pallante Il caso della professoressa Rosa Maria Dell’Aria, colpita da sanzione disciplinare perché avrebbe omesso di vigilare sul contenuto di un lavoro dei suoi studenti è di inaudita gravità: perché chiama in causa fondamentali principi costituzionali, quali la libertà di insegnamento (art. 33), il diritto all’istruzione (art. 34), la libertà […]

In difesa della Repubblica: no all’autonomia che divide

Promotrici/ori: Paolo Berdini, Piero Bernocchi, Piero Bevilacqua, Marina Boscaino Loredana De Petris, Gianni Ferrara, Eleonora Forenza, Loredana Fraleone, Domenico Gallo, Alfiero Grandi, Silvia Manderino, Loredana Irene Marino, Roberto Musacchio, Rosa Rinaldi, Antonia Sani, Francesco Sinopoli, Giovanni Russo Spena, Guido Viale,Gianfranco Viesti, Massimo Villone, Vincenzo Vita, Eugenio Mazzarella, Alfonso Gianni, Pietro Adami, Mauro Beschi, Gaetano Rivezzi, Giulia Venia, Antonio Pileggi, Antonio Di Stasi, Fiorenzo Fasoli, Giulia Rodano, Maurizio Acerbo, Francesco Di Matteo, Rino Malinconico, Tomaso Montanari, Moreno Biagini, Maria Paola Patuelli, Mari Agostina Cabiddu, Maria Ricciardi, Fabrizio Bellamoli, Luigi Pandolfi, Antonio Caputo, Daniela Caramel, Raffaele Tecce, Claudia Berton, Miria Pericolosi, Beppe Corioni, Cristina Stevanoni, Francesco Baicchi, Dino Greco, Silvia Chiarizia, Enzo Camporesi, Maria Longo, Guido Liguori, Vittorio Agnoletto, Ugo Mattei, Sergio Caserta, Filippo Ronchi, Emilio Zecca, Vannino Chiti, Dante Loi, Mauro Cherubini, Vincenzo Laschera, Yorgos Panussis, Simonetta Venturini, Katia Zanotti, Nadia Urbinati, Nicola Fratoianni, Pancho Pardi, Cesare Antetomaso, Paolo Maddalena, Rosella De Troia

Rivolgiamo un appello a donne e uomini liberi, alle soggettività politiche e sindacali, al mondo dell’associazionismo, ai movimenti che si riconoscono nei principi di uguaglianza e nell’universalità dei diritti sanciti dalla nostra Costituzione. Un appello per incontrarci e costituirci in un Coordinamento nazionale in difesa della Repubblica, dell’universalità dei diritti e della solidarietà nazionale contro il federalismo differenziale.

Va avanti l’approvazione “dell’autonomia regionale differenziata”, nel silenzio generale mentre l’opinione pubblica viene distratta dall’assordante propaganda razzista e xenofoba. Senza discussione politica diffusa e all’insaputa di milioni di cittadine/i si sta per determinare nel giro di poche settimane la mutazione definitiva della nostra architettura istituzionale, la destrutturazione della nostra Repubblica.
Leggi di più a proposito di In difesa della Repubblica: no all’autonomia che divide

Bologna, Ugo Mazza: “Mai usato un euro di danaro pubblico per scopi privati”

Regione Emilia Romagna - Foto di Wikipedia

di Ugo Mazza

Alle dichiarazioni dei miei avvocati, Alessandro Gamberini e Salvatore Tesoriero, che condivido, aggiungo solo che tutta la mia vita politico-amministrativa è sempre stata finalizzata alla difesa della credibilità delle istituzioni e alla tutela del patrimonio e delle risorse pubbliche, così come ho fatto in Regione dove nessuna spesa fatta nel corso della mia attività di consigliere regionale viene contestata.

È per me motivo di sofferenza, quindi, essere condannato per peculato in quanto Capo Gruppo, per cui desidero, come già ho fatto di fronte ai magistrati, ribadire pubblicamente che io non ho mai preso e/o usato un euro di danaro pubblico. Aspetto le motivazioni della sentenza per una valutazione più consapevole e per l’inevitabile appello.

Di seguito l’articolo pubblicato da Repubblica con le dichiarazioni degli avvocati Alessandro Gamberini e Salvatore Tesoriero
Leggi di più a proposito di Bologna, Ugo Mazza: “Mai usato un euro di danaro pubblico per scopi privati”

Il 7 aprile in difesa della sanità pubblica Health 4 all: salute per tutti e tutte

di Coalizione Civica

Il 7 aprile ricorre la giornata mondiale della salute promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

In questa occasione molte realtà europee che si occupano di difesa della sanità pubblica tra cui, in Italia, Medicina Democratica hanno lanciato l’appello “Health for all – Salute per tutti e tutte” che si concretizzerà proprio questo venerdì 7 aprile in una serie di iniziative tra cui un convegno nella nostra città.

In tutta Europa sono in atto da diversi anni politiche tese a colpire i nuclei centrali del welfare e attaccare i beni comuni. Anche la salute e la sanità sono sottoposte ad attacchi e tagli di spesa pubblica che producono e favoriscono diseguaglianze nella tutela e nell’accesso alle cure.

Anche in Italia assistiamo a un sistematico definanziamento del nostro Servizio Sanitario Nazionale: piccoli ospedali e servizi territoriali vengono chiusi, spesso senza un reale coinvolgimento della popolazione; la moltiplicazione di visite ed esami, favorita dal pagamento a prestazione, produce liste d’attesa che rendono difficile ottenere in tempi opportuni le cure realmente utili e non garantiscono l’accesso a migliaia di persone; le condizioni di lavoro di chi opera in ambito sanitario peggiorano.
Leggi di più a proposito di Il 7 aprile in difesa della sanità pubblica Health 4 all: salute per tutti e tutte

Rete per la Costituzione: nascono i comitati per impedire lo stravolgimento della Carta

di Francesco Baicchi, Rete per la Costituzione

Sabato 6 luglio a Bologna, numerosi rappresentanti di comitati unitari locali, preso atto delle forzature dirette ad accelerare l’iter del processo di ‘riforma’ costituzionale, hanno deciso di costituire la ‘Rete dei comitati per la difesa della Costituzione’, allo scopo di rendere più efficace la propria azione di informazione della pubblica opinione sull’importanza e le conseguenze delle riforme ventilate.

Coloro che hanno partecipato hanno espresso una particolare preoccupazione per la esplicita volontà del governo di derogare alle procedure previste dall’articolo 138 Cost., che, a giudizio di numerosi costituzionalisti, appare esplicitamente illegittima e in grado di minare la natura stessa della Carta costituzionale. A questo proposito i Comitati hanno concordato sulla necessità di una campagna di informazione e sensibilizzazione sia dei cittadini che, soprattutto, degli stessi parlamentari, allo scopo di impedire che il ddl 813 venga approvato, o, almeno, che l’approvazione in seconda lettura avvenga con una maggioranza inferiore ai 2/3 per consentire il ricorso al referendum.

I tempi accelerati programmati dalla anomala maggioranza governativa impongono a nostro avviso un intervento tempestivo, che non può essere rinviato all’autunno. A tale scopo i Comitati hanno unanimemente auspicato un incontro urgente fra tutti i soggetti che hanno aderito alla manifestazione di Bologna del 2 giugno e sottoscritto il documento ‘Non è cosa vostra’; incontro che potrebbe portare sia alla costituzione di un ‘coordinamento’ nazionale di quanti condividono le stesse preoccupazioni per il rischio di trasformazione in senso presidenziale e autoritario della nostra Repubblica, che alla definizione di una o più iniziative pubbliche da realizzare nel periodo estivo.
Leggi di più a proposito di Rete per la Costituzione: nascono i comitati per impedire lo stravolgimento della Carta

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi