Angelo Vassallo

Expo e dieta mediterranea: si pensa davvero alla salute dei cittadini?

di Dario Vassallo, presidente della Fondazione Angelo Vassallo Sindaco Pescatore

“Un sindaco non deve soltanto pensare allo sviluppo di un territorio, dare dei buoni depuratori, dare una buona assistenza scolastica, deve anche pensare alla salute dei cittadini. Da qui, la nostra missione. Noi siamo come missionari, lo facciamo con amore perché ci crediamo”. Parlava così Angelo Vassallo nel 2010 a proposito della dieta mediterranea, quell’insieme di pratiche, conoscenze, saperi e spazi culturali che le popolazioni del Mediterraneo hanno creato e tramandato nel corso dei secoli come una perfetta sintesi tra ambiente, cultura, organizzazione sociale, storia, tradizione e cibo.

Un progetto ambizioso quello di Angelo Vassallo, innovatore e anticipatore dei tempi, che ha riconosciuto nella cultura del territorio una ricchezza per chi sul territorio vive. Una visione che mette l’uomo al centro dell’attività produttiva e che mira a creare ricchezza per tutti e non per pochi, fondandosi sui valori della legalità e con una particolare attenzione all’ambiente e alla sostenibilità. “Stiamo raccogliendo ora – spiegherà Angelo Vassallo in un’intervista del 9 luglio 2010 – i frutti di un lavoro cominciato nel 1994. Chi scommetteva sull’ambiente quindici anni fa non veniva considerato normale”.

Eletto sindaco nel 1994, Angelo Vassallo conobbe Ancel Keys, che a Pollica ha vissuto per trent’anni. “Quando nel 1997 Keys andò via – racconterà spesso Angelo Vassallo – mi disse ‘divulgate la dieta mediterranea’. Nei convegni che abbiamo tenuto in quel periodo emersero due cose: le proprietà importanti dell’olio d’oliva, lui diceva sempre ‘dopo il latte materno, l’alimento principale è l’olio di oliva’, e la necessità di mettere al bando le merendine e le bevande dolcificate per i bambini. Lui era quasi scandalizzato da queste cose! Noi, in questi anni, abbiamo lavorato tanto, pur non avendo grosse competenze specifiche”.
Leggi di più a proposito di Expo e dieta mediterranea: si pensa davvero alla salute dei cittadini?

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi