Italia, sul lavoro non sei sostenibile

di Fabrizio Ricci Il 2030 può apparire ancora lontano nelle nostre singole esistenze, ma è terribilmente vicino nell’ottica del pianeta. Mancano solo 11 anni alla “scadenza” di Agenda 2030, il documento sottoscritto nel 2015 dai 193 Paesi dell’Onu, che fissa 17 obiettivi di sviluppo sostenibile per “salvare il pianeta”. Sì perché, attualmente, la nostra Terra […]

Argentina, il nuovo default è la confessione che il debito è impagabile

di Cristiana Zanetto La vera domanda è: “Chi farà il lavoro sporco ora?”. Ossia chi si prenderà la responsabilità di tirar fuori l’Argentina ancora una volta con un programma di lacrime e sangue, da quello che è un default in atto, in realtà già da parecchio tempo? Il governo di Macri ed il Fmi, vorrebbero […]

L’appello: il governo riparta dalla Costituzione

Il momento è serio: è il momento di essere seri. Non possiamo dire che c’è un pericolo fascista, e subito dopo annegare in quelle incomprensibili miserie di partito che hanno così tanto contribuito al discredito della politica e alla diffusa voglia del ritorno di un capo con “pieni poteri”. I limiti del Movimento 5 Stelle […]

Crisi politica: i punti che la sinistra non deve dimenticare

di Cristina Quintavalla, portavoce Altra Emilia-Romagna L’Altra Emilia-Romagna, alla luce dell’attuale crisi politica apertasi nel paese, si associa a quanti, movimenti, forze politiche, democratici, vogliono contrastare il piano di sprezzante oltraggio alla Costituzione italiana, portato avanti dal fascio-leghismo. Tale disegno eversivo si sta evidenziando attraverso: il tentativo di capitalizzare a proprio vantaggio i risultati elettorali […]

La priorità assoluta è un altro ministro al Viminale

di Massimo Villone La mozione leghista di sfiducia chiude ogni discussione. Il treno gialloverde è arrivato all’ultima fermata. Invero, attendeva da tempo l’autorizzazione ad entrare in stazione da parte di Salvini. In realtà la crisi era già aperta il 7 luglio con il voto Tav. Per il governo il sottosegretario alla presidenza Santangelo (M5S) si […]

I calcoli elettorali dei soliti gattopardi

di Salvatore Settis “Se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi”: le parole che Tomasi di Lampedusa pone in bocca al suo Tancredi son passate in proverbio, diventate motto quasi-araldico d’ogni trasformismo, e parole come gattopardesco sono entrate nel lessico politico anche fuori d’Italia. “Che tutto cambi!” fu il motto del governo “del […]

L’Italia a tre teste, ovvero mission: impossible

di Guglielmo Ragozzino In Italia sono attivi tre partiti, di forza divergente. Uno di essi per ora rifiuta di chiamarsi partito, il Movimento 5 stelle (M5S). Gli altri, destra e sinistra, li possiamo considerare alla testa di altrettante possibili coalizioni: naturalmente spetta a loro raggiungere il risultato di lanciare e tenere insieme il raggruppamento: quello […]

Venti di crisi: le difficoltà di Coop Alleanza 3.0

di Roberto Vezzelli, aderente a Modena Volta Pagina, cooperatore per 45 anni, già presidente di Legacoop Modena e di cooperative di produzione e lavoro

La notizia apparsa in questi giorni inerente al processo di riorganizzazione-ristrutturazione avviato nella grande cooperativa di consumo Coop Alleanza 3.0 (dichiarati oltre 754 esuberi di impiegati) la rimette, dopo la comunicazione dei risultati del bilancio 2017, sotto i riflettori e sotto l’attenzione dei portatori di interesse dei territori ove essa opera. Coop Alleanza 3.0, nata dalla fusione delle tre cooperative di consumo emiliane di Modena-Ferrara, Reggio Emilia e Bologna sta faticando pesantemente nella gestione industriale.

Essa ha realizzato pesanti perdite nel 2017. Coop Alleanza 3.0 non è riuscita a controbilanciare e neutralizzare le difficoltà gestionali attraverso la leva finanziaria creata dalla forbice tra incassi e pagamenti e dai risultati derivanti dall’uso del grande prestito da soci, situato sui libretti individuali, utilizzando il differenziale tra quanto riconosciuto come interesse ai soci prestatori e quanto ricavato dal suo investimento in attività finanziarie.

Tale leva finanziaria ha avuto ed ha un ruolo decisivo nel supportare i risultati economici complessivi dei bilanci annuali della cooperativa ed è un suo elemento positivamente distintivo. La integrazione tra le tre cooperative precedenti, a suo tempo avvenuta e sostenuta con grande enfasi comunicativa, non evidenziava elementi importanti di innovazione del modello imprenditoriale e di gestione industriale ma è apparsa una “sommatoria” in continuità di gestione, senza indicare come affrontare i nodi e le criticità che integrazioni tra imprese di quel genere e di quella dimensione inevitabilmente propongono.
Leggi di più a proposito di Venti di crisi: le difficoltà di Coop Alleanza 3.0

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi