Ogr di Bologna: ennesimo operaio morto per amianto

di Vito Totire

Muore d’amianto anche Giovanni Malagoli, a pochi giorni da Mario Giovanni Perin. Le istituzioni non devono ricordarsi dell’amianto solo nei giorni dei funerali. L’unico modo per elaborare veramente questi lutti senza fine è riflettere sul passato ma contemporaneamente agire nel presente. Invece: i dati 2018 sull’amianto nell’acqua “potabile” parlano di 13 campioni positivi su 47 nella città di Bologna: il 27.6%.

Mentre si allunga la strage Ogr a Bologna si temporeggia colpevolmente sulla bonifica delle reti acquedottistiche. Alla faccia della prevenzione. Ci associamo al cordoglio espresso dal sindacato e dai compagni di lavoro di Giovanni Malagoli. In questa città in cui pare che qualcuno sia riuscito a lucrare anche sui morti e sui funerali, dobbiamo guardare in faccia il problema dell’amianto non solo per il passato ma anche rispetto al futuro:
Leggi di più a proposito di Ogr di Bologna: ennesimo operaio morto per amianto

Dopo l’istruttoria: subito l’assemblea pubblica del comitato

di Silvia R. Lolli

L’istruttoria pubblica è stata una maratona di tre giorni molto importante per la città di Bologna; è stato riconosciuto dai politici di tutti gli schieramenti: dal tardo pomeriggio di mercoledì 7 fino a sabato 10 novembre alle 14 si sono succeduti tecnici comunali, rappresentanti di associazioni, comitati e gruppi, con la replica finale di consiglieri e dell’assessore Orioli. Questo confronto civico ci rimanda alcune immagini, frasi, riflessioni, al di là dell’informazione giornalistica non troppo precisa, quando esistente.

Si è constatata la presenza assidua di cittadini che hanno seguito i lavori con attenzione, sapendo che Radio Città del Capo ha fatto la diretta per tutti e tre giorni; il numero dei partecipanti è stato così superiore, sottolineando l’importanza che in questo ultimo anno ha avuto il comitato Rigenerazione No Speculazione per la diffusione delle conoscenze urbanistiche. Si è avuta la certezza che ancora esiste una fetta consistente di cittadini partecipanti alla politica non soltanto per mettere sul tappeto temi e proposte con “l’effetto Nimby” (not in my back yard, non nel mio cortile).

Certamente l’attenzione e la presenza dei cittadini è stata alta, mentre alcuni politici seduti agli scranni comunali ne hanno avute meno: assidui parte dei consiglieri e l’assessora Orioli oltre alla presidente del consiglio comunale; presenti abbastanza assiduamente i tecnici comunali. Assente oltre al sindaco l’assessore Lepore.
Leggi di più a proposito di Dopo l’istruttoria: subito l’assemblea pubblica del comitato

La Terra dei Fuochi e i negazionisti del biocidio

di Egidio Giordano e Andrea Salvo Rossi

Come per il sesso degli angeli o il mostro di Lochness, il dibattito sulla Terra dei Fuochi rimette periodicamente in questione l’esistenza stessa del suo oggetto. La pubblicazione dei risultati dell’indagine condotta dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno (Izsm) sono rientrati da subito in questo discorso, finendo con l’avviare ad una campagna mediatica che – lungi da un’interpretazione seria dei dati – è ritornata puntualmente sulle posizioni negazioniste, quelle (per capirci) di chi sostiene che la “Terra dei Fuochi” sia un brand inventato dal pentito di camorra Carmine Schiavone e alimentato dall’allarmismo degli ambientalisti del territorio.

In questa campagna si sono trovati insieme sedicenti esperti del settore enogastronomico (food blogger) e, cosa molto più grave, il governatore De Luca, prontissimo a tuonare sulle prime pagine dei giornali che è necessaria, per la Campania, un’Operazione Verità, che sbugiardi le denunce relative all’emergenza ambientale e sanitaria della regione (e, ovviamente, tutte le realtà di base che costantemente lavorano per tenere alta l’attenzione sulla questione). La Terra dei Fuochi, dunque, sarebbe una fake news (così, trionfale, annunciava un articolo di Luciano Pignataro sul Mattino), da archiviare tra i miti e le leggende dell’orrore che non meritano alcuna credibilità.
Leggi di più a proposito di La Terra dei Fuochi e i negazionisti del biocidio

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi