Teatri di vita: a Bologna due settimane col botto

di Silva Napoli Vieni, c’è un teatro nel bosco a Bologna, si potrebbe dire parafrasando una nota melodia da telefono bianchi, ma Teatri di Vita, seppure nascosto, alla vista da un ponte trafficato, uno scalo ferroviario, un boschetto di pianura umido e crepuscolare, è in realtà un luogo molto vivacemente internazionale, dotato di uno spirito […]

L’irrisolta questione catalana: il dibattito alle 21 a Bologna

di Radio Città Fujiko “La Catalogna, l’Europa, la democrazia” è il titolo dell’incontro promosso dall’Associazione il Manifesto in Rete e Foreign Friends per fare il punto su una delle questioni irrisolte del nostro tempo. Tra i relatori, i curatori del libro “La nazione catalana”. L’appuntamento alle 21.00 di lunedì 15 aprile al centro Giorgio Costa. […]

Bologna, venerdì i due anni del comitato “Rigenerazione No Speculazione”: assemblea pubblica e festa

di Silvia R. Lolli Venerdì 12 aprile 2019 ci sarà la festa di compleanno del comitato Rigenerazione No Speculazione. Il comitato, nato dalla preoccupazione della vendita del centro sportivo CRB associata alle vicende rigenerative dello Stadio Dall’Ara, ha svolto in questi due anni un’azione informativa notevole per la cittadinanza, attraverso tantissime azioni di comuni cittadini […]

Castenaso (Bologna): elezioni comunali nel segno di Sermenghi (che non si candida)

di Sandro Nanetti A Castenaso, nel bolognese, il 26 maggio, oltre che per l’Europa, si voterà pure per decidere chi amministrerà il comune nei prossimi cinque anni. Il panorama è quanto mai ingarbugliato e per cercare di capire le dinamiche occorrono alcune premesse. Il sindaco Stefano Sermenghi ha esaurito il secondo mandato e non può […]

Bologna: Camere d’aria e teatro da camera

di Silvia Napoli Difficile parlare compiutamente di Camere d’aria, un progetto matrioska, uno spazio grande 600mq di felicità progettuale..in ex comodato d’uso, parafrasando il titolo di un recente lavoro teatrale di successo, se non partendo da molto lontanto, da più di 20 anni fa. E dalla caparbietà teutonica ma visionaria e internazionalista di Lydia “Carovana” […]

Bologna, l’approfondimento sul caso CRB: contro l’edilizia che distrugge il territorio

Dopo la grande manifestazione performance del 16 marzo scorso “Il bosco che cammina” che ha registrato la partecipazione di circa tremila persone impersonanti un bosco, per ribadire la contrarietà a ogni progetto edilizio che distrugga l’area verde dei Prati di Caprara, a Bologna, e demolisca l’impianto sportivo CRB per costruirvi un supermercato, il Comitato Salviamo […]

Bologna: ma la politica istituzionale capisce?

di Silvia R. Lolli

Dopo i due giorni di manifestazioni civiche importanti per il futuro di Bologna, venerdì 15 marzo per il Friday For Future e sabato 16 marzo con “Il bosco che cammina” del comitato Rigenerazione No Speculazione, al primo consiglio di lunedì 18 i consiglieri di maggioranza Pd non hanno avuto alcun ripensamento dopo l’istruttoria di novembre 2018. Hanno continuato nella loro demagogica politica territoriale.

Il consiglio comunale ha messo a nudo: tutta la fragilità e le contraddizioni della maggioranza; il silenzio interessato dei consiglieri di opposizione di destra (Forza Italia, Lega che rappresentano certamente gli interessi dei costruttori e un M5S che, essendo al Governo ultimamente si sta tenendo un po’ in disparte in queste controversie territoriali dove l’INVIMIT resta un problema da risolvere troppo grande per il bilancio dello Stato e per loro, soprattutto in un momento di cambio politico dei suoi vertici); un’inefficace ed inascoltata opposizione dei tre consiglieri sempre presenti al fianco dei cittadini manifestanti: Palumbo del gruppo misto e Martelloni e Clancy di Coalizione Civica.

L’attuale maggioranza di Bologna si dice al fianco dei giovani manifestanti del venerdì, ma non lo è più il sabato. Quindi un Giano bifronte che vanifica in un esercizio solo demagogico idee per un futuro sostenibile: diventa meno da sostenere quando si confronta con le richieste più precise e vicine di cittadini che da anni chiedono di invertire le scelte politiche dell’annosa vicenda ristrutturazione Stadio Dall’Ara-Cierrebi-Prati di Caprara.
Leggi di più a proposito di Bologna: ma la politica istituzionale capisce?

Visioni italiane: a Bologna la Sardegna di Angius vince il premio di miglior film

di Claudio Nappi

“Nella celebre scena del film ‘Il monello’ di Charlie Chaplin, il vagabondo (Chaplin) insegue e recupera il piccolo orfanello, con il quale è nato un reciproco e intenso sentimento affettivo, dai poliziotti che lo vogliono portare via. A quel tempo tutto il pubblico era dalla sua parte. Nessuno si sarebbe sognato di essere dalla parte dei poliziotti.

Mentre oggi, nelle proiezioni test di “Ovunque proteggimi”, una minoranza del pubblico non parteggiava per la madre (a cui è stato sottratto il figlio dalle istituzioni). Una spettatrice, che di mestiere fa l’assistente sociale, mi ha detto che il mio film le è piaciuto molto, ma che era giusto che il bambino fosse tolto alla madre. Le ho risposto che quella era una stronzata, e per fortuna chi era con me mi ha trattenuto”. Questo episodio ci viene raccontato da Bonifacio Angius, autore del film “Ovunque proteggimi.

“Anarchico” è l’epiteto più calzante per “Ovunque proteggimi”, lo è nello spirito dei personaggi, nella misura in cui emana “quella anarchia positiva che sembra uscita da una canzone di Fabrizio De Andrè” e vuole mettere in discussione le regole prestabilite dalla società, vuol far riflettere, protestare, vuol dire che non tutto ciò che è legale è giusto, non sempre, non da tutti i punti di vista.
Leggi di più a proposito di Visioni italiane: a Bologna la Sardegna di Angius vince il premio di miglior film

Bologna, Prati di Caprara: il comitato si prepara a far camminare il bosco

di Radio Città Fujiko

“Il bosco che cammina”. Come nel Macbeth di Shakespeare, Rigenerazione No Speculazione si prepara per la marcia del bosco spontaneo dei Prati di Caprara, prevista il 16 marzo. La battaglia è sempre quella: salvare il bosco dall’urbanizzazione. Laboratori a Làbas e Mercolello per costruire maschere silvestri. Il 28 febbraio un’assemblea pubblica.

A qualcuno potrà ricordare la battaglia raccontata da Tolkien ne “Il Signore degli Anelli”, ma il riferimento letterario evocato dal comitato Rigenerazione No Speculazione è un altro, il Macbeth di William Shakespeare. In particolare la scena in cui il barone ribelle Macduff e il figlio del defunto re Duncan muovono con l’esercito contro Macbeth e, per nascondere la moltitudine dei soldati, li occultano dietro rami tagliati dalla foresta di Birnam, così da sembrare che il bosco stesso avanzi.

Il 16 marzo, invece, sarà il bosco spontaneo dei Prati di Caprara ad avanzare e muoversi verso il “centro del potere”, piazza Maggiore, sede di Palazzo D’Accursio. Ad “animarlo” saranno sia il comitato che tutte le associazioni e i gruppi di cittadini che negli ultimi anni si sono battuti per preservare quel polmone verde della città ed opporsi ai progetti urbanistici del Comune.
Leggi di più a proposito di Bologna, Prati di Caprara: il comitato si prepara a far camminare il bosco

Bologna, un venerdì sulla mobilità: gattopardi, sicari e cani da guardia

di Piero Cavalcoli [*]

Venerdì 8 febbraio è stata una straordinaria giornata dedicata allo spinoso tema della mobilità metropolitana bolognese, un tema che non è mai riuscito a trovar pace, negli ultimi trent’anni. Nonostante una lunga continuità politica, con l’unica interruzione del mandato di Guazzaloca.

La mattina era dedicata alla presentazione del PUMS, il Piano Urbano di Mobilità Sostenibile. Una forte presenza nella sala dei Filippini, qualificata ed attenta. Uno sforzo, finalmente organico e radicale, per definire il quadro delle reti, dei mezzi di trasporto, degli obiettivi di abbattimento delle polveri e delle emissioni. Prospettive credibili di trasferimento di chilometri e passeggeri dalla gomma al ferro, dai mezzi privati a quelli pubblici. Prospettive per l’aumento degli spostamenti “dolci”, piste ciclabili e car sharing. Visione integrata tra spostamenti, reti e trama degli insediamenti.

Il pomeriggio era invece dedicato alla Commissione Mobilità del Comune, richiesto da Coalizione Civica, a seguito delle dimissioni presentate dall’Amministratore Unico di SRM, Società Reti e Mobilità, l’Agenzia di “regolazione e controllo” sulla corretta applicazione dei contratti di gestione del trasporto pubblico, Helmut Moroder. Si voleva sapere cosa fosse successo, in assenza di dichiarazioni dell’Amministrazione.
Leggi di più a proposito di Bologna, un venerdì sulla mobilità: gattopardi, sicari e cani da guardia

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi