Category Archives: Il manifesto in rete

Manifesta 2017: torna la festa del Manifesto in rete, appuntamenti dal 1 al 9 luglio

La ManiFesta 2016

La Manifesta, la festa del Manifesto in rete, torna anche quest’anno in un contesto nuovo, quello di Etica – Festival della Responsabilità Civile che si tiene a Bologna, al Circolo La fattoria (via Pirandello 6). Gli appuntamenti di quest’anno si alterneranno tra il 1 e il 9 luglio e questi sono gli appuntamenti in programma:

La ManiFesta 2016 in pillole: la sinistra a confronto alla casa del Popolo Venti Pietre

Non si smette di parlare della ManiFesta 2016: ecco qui un frammento dei tanti dibattiti che hanno tenuto banco per quattro giorni.

ManiFesta 2016: quarto e ultimo giorno della maratona di incontri e dibattiti

La ManiFesta 2016

Quarto e ultimo giorno della ManiFesta 2016. Sotto gli appuntamenti odierni a partire dalle 16.

Lunedì 4 luglio

  • ore 16.00: convegno e stage “Il suolo lo coltiviamo e non lo consumiamo, l’agricoltura biodinamica”, confronto di esperienze tra produttori meridionali e bolognesi in collaborazione con Campi aperti, Coop Nuovo Cilento e Nco. Partecipano Giuseppe Cilento (presidente coop nuovo Cilento), Marco Malavasi (presidente della cooperativa sociale Gal di Modena e consigliere regionale del Forum della agricoltura sociale), Associazione campi aperti e Cooperazione agricola
  • ore 20: cena mediterranea, dalla terra dei fuochi e dal Cilento di Angelo Vassallo, una messe di prodotti buoni all’insegna della libertà dalle mafie

ManiFesta 2016: terzo giorno della maratona di incontri e dibattiti

La ManiFesta 2016

Terzo giorno della ManiFesta 2016. Sotto gli appuntamenti odierni a partire dalle 10. E per consultare il programma fino a lunedì 4 luglio il link è questo.

Domenica 3 luglio

  • ore 10.00: “Manifesto in rete”: la nostra assemblea annuale per il destino della nostra associazione ogg: il nome è sostanza
  • ore 12.30: pranzo domenicale tradizionale tagliatelle al ragù (o vegetariane), lasagna della Primo Moroni
  • ore 18.00: “Elezioni amministrative: e adesso?” con Luigi De Magistris (video collegamento), Raffaella Sutter, Federico Martelloni, Stefano Fassina, Giorgio Airaudo, Elly Schlein
  • ore 20.00: cena stuzzicante
  • ore 21.00: “Vecchia nuova sinistra” in collaborazione con l’Arci Brecht: “Quando è troppo è troppo, discorsi di Bernie Sanders a cura di Rosa Fioravante” modera Sergio Caserta e Maria Visconti intervalla il dialogo con letture di brani dei libri

ManiFesta 2016: secondo giorno della maratona di incontri e dibattiti

La ManiFesta 2016

Secondo giorno della ManiFesta 2016. Sotto gli appuntamenti odierni a partire dalle 18. E per consultare il programma fino a lunedì 4 luglio il link è questo.

Sabato 2 luglio

  • ore 18.00: la stagione referendaria e l’Italia allo specchio, ne discutono Pier Giovanni Alleva (giuslavorista e consigliere regionale dell’Altra Emilia Romagna), Francesca Chiavacci (Arci), Cristina Quintavalla (portavoce AER), Anna Cocchi (Anpi), Angelo D’Orsi (Unito), Bruno Papignani (Fiom), Alessio Festi (Cgil).
  • ore 20.00: cena Ricostituente: LAsagna al forno, rotoli freddi a sorpresa, crema pasticciera, tutto rigorosamente preparata dall’Associazione Primo Moroni
  • ore 21.00:  in collegamento streaming su maxi schermo ITALIA-GERMANIA (4 a 3?)

ManiFesta 2016: al via oggi alle 17.30 la quattro giorni di incontri e dibattiti

La ManiFesta 2016

Oggi si parte con la ManiFesta 2016. Sotto gli appuntamenti in calendario a partire dalle 17.30. E per consultare il programma completo il link è questo.

Venerdì 1 luglio

  • ore 17.30: brindisi di apertura festa
  • ore 18.00: Guido Viale presenta l’Europa salvata da profughi e migranti.Con l’autore ne discutono Massimo Tesei e Giorgio Ardeni
  • ore 20.00: cena piatti d’amare
  • ore 21.30: spettacolo di teatro e musica da altri mari

Manifesta 2016: da venerdì al via la quattro giorni di dibattiti e incontri

La ManiFesta 2016

Torna per il quinto anno consecutivo la Manifesta – La festa dell’Associazione il manifesto in rete. Dal venerdì prossimo, 1 luglio al lunedì successivo, 4 luglio, nella Casa del popolo Venti Pietre (via Marzabotto 2 Bologna) quattro giorni di incontri, scontri, pentimenti e ripensamenti, sentimenti e risentimenti, della sinistra fratturata con ingorde abbuffate.

Ecco il programma per decidere quali eventi seguire e a quali cene partecipare.

Venerdì 1 luglio

  • ore 17.30: brindisi di apertura festa
  • ore 18.00: Guido Viale presenta l’Europa salvata da profughi e migranti.Con l’autore ne discutono Massimo Tesei e Giorgio Ardeni
  • ore 20.00: cena piatti d’amare
  • ore 21.30: spettacolo di teatro e musica da altri mari

Sabato 2 luglio

  • ore 18.00: la stagione referendaria e l’Italia allo specchio, ne discutono Pier Giovanni Alleva (giuslavorista e consigliere regionale dell’Altra Emilia Romagna), Francesca Chiavacci (Arci), Cristina Quintavalla (portavoce AER), Anna Cocchi (Anpi), Angelo D’Orsi (Unito), Bruno Papignani (Fiom), Alessio Festi (Cgil). Modera Loris Campetti
  • ore 20.00: cena tropicale
  • ore 22.00: DEMASIADO: la crociera (a Cuba) dei rivoluzionari mancati (deriveapprodi), di e con Sandro Medici, letture di Maria Longo

1-4 luglio 2016: torna a Bologna la Manifesta, la festa dell’Associazione il manifesto in rete

La ManiFesta 2016

Torna per il quinto anno consecutivo la Manifesta – La festa dell’Associazione il manifesto in rete. Dall’1 al 4 luglio 2016 nella Casa del popolo Venti Pietre (via Marzabotto 2 Bologna) quattro giorni di incontri, scontri, pentimenti e ripensamenti, sentimenti e risentimenti, della sinistra fratturata con ingorde abbuffate.

Ecco il programma per decidere quali eventi seguire e a quali cene partecipare.

Venerdì 1 luglio

  • ore 17.30: brindisi di apertura festa
  • ore 18.00: Guido Viale presenta l’Europa salvata da profughi e migranti.Con l’autore ne discutono Massimo Tesei e Giorgio Ardeni
  • ore 20.00: cena piatti d’amare
  • ore 21.30: spettacolo di teatro e musica da altri mari

Sabato 2 luglio

  • ore 18.00: la stagione referendaria e l’Italia allo specchio, ne discutono Pier Giovanni Alleva (giuslavorista e consigliere regionale dell’Altra Emilia Romagna), Francesca Chiavacci (Arci), Anna Cocchi (Anpi), Angelo D’Orsi (Unito), Bruno Papignani (Fiom), Alessio Festi (Cgil). Modera Loris Campetti
  • ore 20.00: cena tropicale
  • ore 22.00: DEMASIADO: la crociera (a Cuba) dei rivoluzionari mancati (deriveapprodi), di e con Sandro Medici

Quattro anni di attività, ora abbiamo bisogno di voi: sostenetici

L'associazione il manifesto in rete

del coordinamento dell’Associazione il manifesto in rete

Care e cari lettori, visitatori del nostro sito. Quest’anno il manifesto Bologna, blog d’informazione dell’associazione il manifesto in rete con sede a Bologna, giunge al suo quarto anno di attività. Non è poco per un sito gestito da volontari, collaboratrici e collaboratori a titolo pressoché gratuito; molte esperienze come la nostra sorgono e terminano in tempo più breve, così è la vita sulla rete.

Ci fa piacere festeggiare questo anniversario il prossimo undici dicembre, presentando l’ultimo recente libro di Loris Campetti Non ho l’età, perdere il lavoro a 50 anni (Manni editore). Un libro con l’autorevolissima prefazione di Rossana Rossanda che affronta il delicato tema, di grande attualità purtroppo, di chi si trova nella fase matura dell’esistenza a perdere il lavoro e a dover ricostruire con molte difficoltà, una nuova vita e a trovare un equilibrio distrutto.

Loris è stato uno dei più ferventi sostenitori del progetto di rilancio del Manifesto, attraverso un ruolo attivo della rete storica dei circoli del giornale, sparsi in tutta Italia, non realizzato per la contrarietà della nuova direzione del quotidiano. Ciò, insieme a tante altre cause, ha determinato l’allontanamento delle migliori firme e tanti dispiaceri.

Noi di Bologna, nati per sostenere il giornale, dopo la rottura, decidemmo di proseguire la nostra esperienza in una forma più autonoma e costituimmo l’associazione “il manifesto in rete” che si pone l’obiettivo di ricostituire insieme a tante e a tanti altri, una prospettiva unitaria per la nostra sinistra sinistrata. Scusate se è poco…