Bologna: ancora un morto fra i lavoratori Ogr

di Vito Totire, medico del lavoro e presidente nazionale Aea, l’Associazione esposti amianto

Lutto per la morte di Paolo Pio Tomasini. Apriamo una vertenza nazionale per la verità e la giustizia sui “fatti dell’Ogr e della Casaralta di Bologna”. Esprimiamo anzitutto il nostro sentimento di lutto e le nostre condoglianze a familiari, compagni di lavoro e amici di Pio.

Dobbiamo dare una risposta a questa sequenza angosciante di morti e di snervanti attese sia di ulteriori cattive notizie sia per quel che riguarda i percorsi risarcitori. L’ azienda che deve pagare questi risarcimenti (se così vogliamo chiamarli, visto che in verità nulla può risarcire la violenta riduzione della speranza di vita e di salute) non si è dimostrata all’altezza della situazione.

Occorre che il governo emani una linea-guida per la gestione dei postumi mortiferi dell’amianto. Questa linea guida deve prevedere:

  • Aggiornamento dei riscontri epidemiologici e presa in carico anche del tema della patologie da amianto extrapolmonari; abbiamo detto più volte che erano emersi (poi “dispersi”) clusters di “eccessi” di LNH e di tumore del rene – cfr ricerca dell’epidemiologo Enzo Merler – ma sono rimasti disconosciuti persino sul piano assicurativo (Inail) casi di tumori gastrointestinali. Tutti i casi disconosciuti devono essere ripresi dagli archivi e riaperti; compresi ovviamente i cosiddetti “paralavorativi” cioè a danno di familiari. LO STESSO DEVE ESSERE FATTO PER LA COORTE DEI LAVORATORI DELLA CASARALTA FRA I QUALI L’ENORME ECCESSO DI TUMORI DELLA VESCICA E’ RIMASTO QUASI TOTALMENTE DISCONOSCIUTO (SUL PIANO PENALE, CIVILE E ASSICURATIVO, NON SUL PIANO EPIDEMIOLOGICO);

  • Certo nei prossimi tempi possiamo aspettarci una “schiarita” sulla discrepanza drammatica relativa al numero dei morti (300 o 600 o ancora di più) grazie a una misura adottata dalla Conferenza Stato-Regioni nel febbraio 2018; è che questa misura (l’anagrafe completa degli ex-esposti) LA ANDIAMO RIVENDICANDO DA VENT’ANNI. IL FATTORE TEMPO NELL’AMIANTO E’ DRAMMATICAMENTE IMPORTANTE E I RITARDI SONO COLPEVOLI.
  • Ricostruito il quadro completo della patologie (e non solo polmonari) il governo deve decretare un iter rapido per i riconoscimenti in sede penale, civile, e assicurativo. Non è possibile tollerare ulteriormente lungaggini, ostruzionismi, disconoscimenti;
  • Contestualmente il governo deve emanare un atto di indirizzo (prassi già posta in essere in passato e prevista anche dal TUA – il Testo unico amianto – presentato dalla ex-maggioranza parlamentare nel novembre 2016 e mai discusso in Parlamento (a ricordarci la importanza che le istituzioni stanno dando alla tragedia dell’uso industriale dell’amianto);
  • In questo quadro non si comprendono alcuni aspetti della decisione (pur condivisibile) di inserire il sito Ogr fra i SIN cioè i “siti di interesse nazionale”. La scelta è giusta ma due questioni non ci quadrano: a) non aveva “qualcuno” asserito che in via Casarini non c’era più amianto da un pezzo? Ipotesi evidentemente priva di fondamento… 2) cosa ne è stato del principio (logico e ragionevole prima che giuridico) secondo cui “chi inquina paga”? Ora non paga più, ammesso che abbia mai davvero pagato?

Un abbraccio ai familiari di Paolo Pio Tomasini a cui offriamo il sostegno peritale e medico-legale gratuito in attesa del ventilato (e mai attuato) sostegno pubblico ipotizzato dal TUA.

  • Basta con le promesse, occorrono i fatti.
  • Risarcire degnamente e non sol economicamente le vittime e i loro familiari.
  • Bonificare urgentemente, radicalmente con rivalsa sugli inquinatori.
  • Riconoscere immediatamente la maggiorazione pensionistica ai ferrovieri, macchinisti compresi.

Questo articolo è stato pubblicato dal sito La bottega del Barbieri il 22 settembre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *