Amazon, le sette sorelle del silicio e gli algoritmi: il lavoro nel nuovo Millennio

Di seguito pubblichiamo la premessa e il pdf scaricabile dell’ultimo lavoro di Luigi Agostini, coordinatore della Fondazione Isscon. Si parla di digitale, ma anche di lavoro e sfruttamento del lavoro, in nuove forme. Per questo è un importante testo per fare il punto della situazione.

di Luigi Agostini

Premessa

La lotta dei lavoratori di Amazon di Piacenza rompe un incantesimo e apre una nuova epoca. Amazon è una delle sette sorelle del silicio, i signori della Rete; cosi sono chiamate le nuove multinazionali dell’informatica. I signori del silicio stanno sostituendo le antiche sette sorelle del petrolio nel dominio del mondo. La determinazione dei ritmi e delle modalità di lavoro in Amazon, come in tante altre imprese, è affidata ad un algoritmo: l’algoritmo ha assunto anche il ruolo del vecchio Capo cottimo.

Ma l’algoritmo si configura – a differenza del Capo cottimo – come una presenza oggettiva, univoca, neutra. Una potenza astratta, immateriale, cioè il massimo della potenza: una potenza apparentemente assoluta, la potenza del razionale. Lo sciopero dei lavoratori di Amazon non è quindi uno sciopero tra i tanti, ma assurge al livello di un atto di ribellione, di un segno che, anche nel nuovo Eden del capitalismo informazionale – mito costruito e sostenuto da una formidabile campagna ideologica, senza badare a spese, il rapporto tra Capitale e Lavoro non ha niente di oggettivo, resta un rapporto di forza, la cui dialettica conflittuale non può essere spenta.

La vertenza di Amazon è testimonianza che le forme cambiano, ma la sostanza resta e ha la testa dura. Su Repubblica del 9 dicembre si annuncia che il divorzio in una giovane coppia si può gestire con un’app. A Modena, attraverso la piattaforma digitale, con l’assenso del giudice, i genitori di due figli, non essendosi accordati per la separazione consensuale, gestiranno ogni rapporto con l’ex partner, condividendo informazioni, spese, problemi, esigenze. L’accesso ai loro dati sarà consentito attraverso una password anche al giudice e agli assistenti sociali. Anche ai nonni. Tutto ciò che sarà condiviso sulla app, sarà archiviato come documento e potrà essere utilizzato come prova in fase di giudizio.

Di nuovo, l’algoritmo. La relazione più intima tra persone – il padre, la madre, i figli – affidata ad una presenza astratta. Impersonale. Le due notizie sono di diverso ordine ma si tengono: la prima riguarda il rapporto di lavoro, la seconda riguarda la relazione sociale, aspetti entrambi fondamentali della vita. Entrambe le notizie richiamano la questione della rivoluzione informatica e delle sue implicazioni. La lotta dei lavoratori di Amazon di Piacenza rompe un incantesimo e apre una nuova epoca.

Autore dell'articolo: Amministratore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *