La violenza di CasaPound a Ostia

di Internazionale.it

“Zecca de merda, frocio”, gli urlano quelli di CasaPound quando lo incontrano fuori da qualche locale o sull’autobus. Si muovono sempre in gruppo, sono ragazzi del quartiere militanti di estrema destra e prendono di mira quelli impegnati nei collettivi scolastici di sinistra o nelle associazioni, soprattutto i ragazzi che si occupano di senza fissa dimora o migranti.

Raffaele Biondo è alto e magro, capelli ricci, maglione a collo alto: ha 19 anni ed è stato per lungo tempo il rappresentante degli studenti del liceo scientifico Antonio Labriola di Ostia. “C’era un periodo in cui ricevevo minacce quotidianamente per la mia attività politica a scuola”, racconta. Poi il 24 maggio 2016 ha subìto un’aggressione.

“Il coordinamento degli studenti del decimo municipio aveva organizzato una manifestazione contro la mafia e contro il fascismo, la giornata della cultura, a cui avevamo invitato tutte le scuole”, racconta Biondo. Durante l’evento il Blocco studentesco, la formazione giovanile del partito di estrema destra CasaPound, si è presentata e ha protestato perché non era stata invitata.

Una lunga lista

Il giorno successivo, Biondo è stato aggredito da un ragazzo di Blocco studentesco accompagnato da altri otto militanti all’uscita da un locale di Casal Palocco. “Sono uscito verso le otto dal bistrot Ciaocore dove stavo studiando con un mio amico”, racconta. “Nel parcheggio ho incontrato otto ragazzi di Blocco studentesco e abbiamo cominciato a discutere della giornata della cultura che si era svolta il giorno prima in piazza Anco Marzio in maniera abbastanza tranquilla”.

All’improvviso uno degli studenti di Blocco studentesco “ha chiesto se ero antifascista”. Quando Biondo ha detto di sì è arrivata la replica: “Allora sei un uomo di merda”, insieme a una testata sulla bocca. “Ho cominciato a vedere tanto sangue e piegato dal dolore non ho reagito”, racconta il ragazzo, mentre l’aggressore e gli altri sono scappati. Biondo è andato al pronto soccorso dove gli hanno dato sette giorni di prognosi. Se l’è cavata con un dente rotto che ha dovuto farsi ricostruire. Ha presentato un esposto alla polizia, ma continua a ricevere minacce e insulti.

Il 9 novembre 2017 due giornalisti della trasmissione della Rai Nemo, Daniele Piervincenzi ed Edoardo Anselmi, sono stati aggrediti da Roberto Spada, pugile e gestore di una palestra popolare a Nuova Ostia e fratello del boss Carmine Spada. Roberto Spada non milita in formazioni di estrema destra e dopo l’aggressione i leader di CasaPound hanno negato qualsiasi legame con gli Spada, ma i giornali continuano a fornire elementi che documentano l’amicizia e il sostegno dato dalla famiglia Spada ad alcuni esponenti locali del gruppo neofascista come Carlotta Chiaraluce e Luca Marsella.

La violenza contro i due giornalisti ha suscitato molte proteste e Roberto Spada è stato arrestato per l’aggressione con l’aggravante del “metodo mafioso”. A prescindere da questo episodio, gli attivisti e gli studenti del decimo municipio, tuttavia, denunciano un clima di violenza che per molto tempo non è stato preso sul serio né dalla stampa né dalle istituzioni. Sul litorale romano la violenza dei “fascisti del terzo millennio” non è una novità, dicono gli attivisti di Infoaut che sul loro sito hanno provato a raccogliere tutte le denunce di aggressioni, compiute negli ultimi sette anni e hanno compilato una lunga lista.

Un ragazzo denuncia di essere stato picchiato perché indossava la maglietta di una squadra di calcio antifascista, la Spartak Lidense. Giorgio, un attivista del collettivo L’Officina di Ostia, è stato aggredito nel 2010 mentre stava attaccando dei manifesti per pubblicizzare alcune iniziative per la festa della liberazione.

Luca Marsella, il candidato sindaco del decimo municipio per CasaPound, è stato condannato a due mesi, sospesi con la condizionale, per aver aggredito degli studenti fuori del liceo Anco Marzio nel settembre del 2011. “Se voi fate la contromanifestazione all’Idrovolante io vi accoltello tutti come cani, vi ammazzo tutti! Io mi ricordo la faccia di ognuno di voi. Non vi picchio subito perché ci sono delle persone e poi mi denunciate”, aveva detto Marsella ad alcuni studenti del liceo.

Nel febbraio 2017 Diego Giannella, candidato della lista Laboratorio civico X e attivista dell’associazione Alternativa onlus, è stato seguito e picchiato da cinque militanti di destra vicino alla sede del municipio, mentre provava a partecipare a un incontro con la sindaca di Roma Virginia Raggi.

“Mi hanno bloccato vicino alla pensilina dell’autobus per picchiarmi con calci e pugni davanti a decine di passanti, che purtroppo non hanno mosso un dito e hanno addirittura cambiato strada. Ero solo contro cinque persone e mi hanno picchiato senza alcun motivo”, ha dichiarato Giannella, che ha sporto denuncia. “Mi hanno lasciato per terra dicendomi ‘E mo vàtte a lamentà in questura’. Ho fatto tantissime denunce contro i numerosi atti di violenza che ricevo quasi quotidianamente, ma nulla cambia, anzi. Sto provando a difendermi come posso”, conclude. CasaPound ha sempre smentito tutte le accuse.

Una palestra per i neofascisti

Ostia è stata una piazza importante per l’estrema destra romana, spiega Guido Caldiron, giornalista e autore di numerosi saggi sulla storia dell’estrema destra. “Soprattutto i quartieri residenziali, i quartieri alti del decimo municipio negli anni settanta sono stati un territorio importante per il Movimento sociale italiano (Msi), poi per Terza posizione fino ad arrivare ai Nuclei armati rivoluzionari (Nar)”, afferma Caldiron.

CasaPound arriva sul litorale nel 2011, aprendo una specie di centro culturale, l’Idrovolante, a via Marcello Pucci Boncambi. “È una commistione tra ambienti ex missini e giovani a destra della destra, ma i nomi della vecchia destra ostiense non si spendono per il nuovo movimento. È una germinazione nuova”, aggiunge Caldiron. Il modello a cui CasaPound s’ispira è quello greco di Alba dorata.

“Un piccolo movimento d’ispirazione neonazista che nasce tra gli hooligans ad Atene, un piccolissimo gruppo a vocazione minoritaria che sperimenta una strategia per penetrare tra i ceti popolari: con azioni contro gli immigrati, contro i piccoli commercianti e a favore dei ceti popolari”, spiega Caldiron. All’inizio CasaPound sembrava volesse evitare i greci di Alba dorata, perché temeva l’ispirazione neonazista e il coinvolgimento dei dirigenti greci del movimento nell’omicidio del rapper Pavlos Fyssas, “ma poi hanno cominciato ad avere degli scambi intensi, dei gemellaggi”.

Per Caldiron, tuttavia, i giornalisti non dovrebbero avere dubbi: “CasaPound è un gruppo neofascista con grandi zone d’ombra, e l’errore che fanno molti è quello di normalizzarlo”. Ci sono stati degli arresti in questi anni nelle file di CasaPound: “C’è una vicenda come quella di Gianluca Casseri, un loro militante che un paio di anni fa a Firenze è andato a sparare agli immigrati dicendo che è il tempo della guerra delle razze. CasaPound è questo, non solo la distribuzione dei pacchi della spesa”.

A Ostia gli attivisti hanno registrato degli elementi comuni tra le diverse aggressioni: per esempio prima di sferrare la testata o il pugno viene rivolta la stessa domanda: “Sei antifascista?”. Una sorta di rituale, che si ripete da tempo in molte parti d’Italia.

L’impunità e la tolleranza verso le aggressioni di tipo fascista nel decimo municipio hanno contribuito a creare un’immagine di “zona franca”, spiega David, un attivista. “Sembra che Ostia sia un posto dove i fascisti possono venire a picchiare i militanti dei movimenti giovanili e gli attivisti come in una palestra. E non è un caso che una formazione come Lotta studentesca, la sezione giovanile di Forza Nuova, che a Ostia non è presente, sia apparsa di recente fuori delle scuole”, aggiunge.

L’abbandono e il silenzio da parte delle istituzioni su questo tema hanno favorito le violenze. “Le aggressioni e le minacce continueranno finché ci sarà questo tipo di impunità”, conclude David.

L’antifascismo nelle scuole

Il 15 settembre 2016 Davide Coscia, 19 anni, del collettivo del liceo Anco Marzio è stato preso a calci e pugni il primo giorno di scuola da alcuni studenti di Lotta studentesca. Mentre entrava a scuola, è stato avvicinato da alcuni ragazzi che stavano distribuendo dei volantini.

“Non volevo discutere, andavo di fretta, ero in ritardo”, racconta. Per questo ha preso il volantino, lo ha accartocciato e lo ha buttato. Il gesto è stato interpretato come un affronto. Lo hanno seguito all’interno della scuola, lo hanno preso a pugni fino a farlo cadere, poi hanno continuato con i calci. Una pattuglia di poliziotti in borghese che era nei paraggi ha sentito le urla e si è avvicinata. Gli aggressori sono fuggiti, ma sono stati presi. “Erano ragazzi di altri quartieri di Roma, non erano del posto e questo vuol dire che non mi conoscevano e non sapevano della mia attività politica, e quindi chiunque avrebbe potuto essere aggredito in quel modo solo per aver accartocciato un volantino”, racconta.

Dopo l’aggressione a Davide Coscia, i collettivi studenteschi hanno chiesto di appendere all’interno della scuola uno striscione di solidarietà che diceva: “Contro ogni forma di violenza e fascismo”, per spingere a riflettere sull’episodio che avrebbe potuto riguardare uno qualsiasi dei mille studenti della scuola. Ma le istituzioni scolastiche non hanno autorizzato lo striscione. “Ci sono troppe esitazioni da parte delle autorità a dichiararsi antifasciste e a professare i valori della costituzione italiana. Troppo silenzio”, afferma Giacomo Mastrogregori, un altro attivista.

Anche Raffaele Biondo è d’accordo: “L’antifascismo è percepito come un valore di una sola parte della società, quella di sinistra, mentre dovrebbe essere di tutti”, spiega Biondo.

Per i ragazzi è difficile fare chiarezza su questo concetto e d’altra parte le istituzioni scolastiche non fanno la loro parte. “La grande sfida dell’antifascismo oggi è spiegare che si tratta di difendere i valori della nostra repubblica, della costituzione: lo stato di diritto, l’uguaglianza, la libertà di espressione, il ripudio della violenza e dello squadrismo”, conclude Biondo.

Da sapere

  • Il 19 novembre si svolgerà il secondo turno delle elezioni amministrative nel decimo municipio di Roma, un’area con 230mila abitanti.
  • Al primo turno, il 5 novembre, ha votato solo il 39 per cento della popolazione.
  • Giuliana Di Pillo del Movimento 5 stelle ha preso il 30,2 per cento delle preferenze e andrà al ballottaggio con Monica Picca di Fratelli d’Italia, appoggiata da tutto il centrodestra, che al primo turno ha preso il 26,6 per cento delle preferenze.
  • Al primo turno il candidato sostenuto da CasaPound ha preso il 9 per cento dei voti.
  • Dopo l’aggressione dei giornalisti Daniele Piervincenzi ed Edoardo Anselmi colpiti dal pugile Roberto Spada, fratello del boss di Nuova Ostia Carmine Spada, il Viminale e la prefetta di Roma Paola Basilone hanno deciso di schierare le forze dell’ordine, compresi degli agenti in borghese, davanti ai seggi durante le operazioni di voto del secondo turno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *