Ius soli: “È dura spiegare ai bambini che sono stranieri”

di Alessandro Principe

Patrizia Zucchetta è maestra di scuola elementare. Come tanti colleghi ha deciso di partecipare allo sciopero della fame a sostegno dell’approvazione della legge sulla cittadinanza, lo “ius soli” nella versione temperata approvata da un ramo del parlamento e poi sacrificata sull’altare della (supposta) convenienza politica.

Patrizia insegna nella scuola Iqbal Masih di Roma, un istituto da sempre molto attento alle tematiche dell’integrazione e del multiculturalismo. E infatti la sua adesione a questa mobilitazione è figlia di un impegno quotidiano, di un lavoro educativo che certo non si ferma alla protesta.

“È un lavoro che cambia a seconda dell’età dei bambini, naturalmente. Io lavoro con bambini di sette anni e ogni iniziativa deve essere adeguata alla loro età. Ci siamo sentite tra colleghe e abbiamo constatato che i bambini non sapevano niente di questo argomento”.

E come hanno reagito?

Sono rimasti veramente stupefatti nel sapere che la loro compagna di banco non è cittadina italiana. Per loro è inammissibile che accada questo nel senso che tutti i giorni noi ripetiamo che siamo tutti uguali e poi improvisamente viene fuori che qualcuno è meno uguale degli altri. Per loro è stata una scoperta.

Come l’avete spiegato a dei bimbi delle elementari?

Non abbiamo lavorato tanto a livello legislativo sullo ius soli. Io nella mia classe, ad esempio, ho fatto sentire una poesia di una poetessa inglese di origine somala, Warsan Shire, che si intitola “Nessuno lascia la casa”. Abbiamo riunito tutti i bimbi e le bimbe e abbiamo proiettato delle immagini di migranti, di profughi e abbiamo letto questo testo, che è molto bello, molto evocativo. Poi ognuna di noi ha lavorato a seconda dell’età dei bambini su questa poesia.

Lei cosa ha proposto loro?

I miei piccoletti hanno fatto un gruppo e hanno tirato fuori delle parole da questa poesia che li avevano colpiti, e ispirandosi a queste hanno fatto un disegno.

Voi lavorate molto sul tema dell’integrazione?

Per noi è fondamentale. Nella scuola dove insegno io, la Iqbal Masih non ci sono moltissimi bambini stranieri, abbiamo soprattutto bambini Rom. Nel nostro Circolo abbiamo poi la scuola Pisacane doveinvece la metà degli alunni sono stranieri. Sono bambini che con la legge sullo ius soli acquisterebbero la cittadinanza.

Crede che per loro avrebbe un significato forte?

Per i miei piccoletti no. Ma più crescono, più si rendono conto del problema e capiscono di non essere considerati come i loro compagni italiani.

Perché ha aderito allo sciopero della fame?

Perché siamo convinte di dover trovare modalità di lotta che colpiscano la coscienza della gente. Pensiamo che dovremmo cambiare il modo di pensare delle persone. Far sentire che ciò che stiamo chiedendo è semplicemente qualcosa di umano. Non va oltre l’umanità.

Questo articolo è stato pubblicato da Radio popolare il 7 ottobre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *