Parma: è necessaria un’operazione di verità sul debito pubblico

della Commissione Audit sul debito pubblico di Parma

La Commissione Audit sul debito pubblico di Parma chiede un’operazione di verità e giustizia sul debito pubblico del Gruppo Comune di Parma-Società partecipate, rispetto alle dichiarazioni trionfalistiche della Giunta Pizzarotti e alla finta e strumentale opposizione di gran parte delle forze politiche in corsa per il rinnovo del Consiglio comunale.

Le menzogne sul debito riguardano il suo presunto abbattimento (cospicuo per la giunta Pizzarotti, meno cospicuo per il PD in particolare): nessuno di loro ha però intenzione di denunciare il mancato accertamento della composizione del debito, della sua parte illegittima (in quanto frutto di speculazioni, corruzione e truffe, come emerge da i ben 7 indagini aperte dalla Magistratura), chi ne siano i responsabili, ma soprattutto quanto sia stato ingiustamente scaricato sui cittadini attraverso tasse, tariffe comunali altissime, privatizzazioni, tagli di servizi. Se sono stati pagati in larga parte i debiti del Comune (che erano la parte più irrilevante del debito) per effetto di disposizioni di legge (allentamento dei vincoli del Patto di stabilità), resta vero che:

  • il debito bancario delle Società partecipate è aumentato di 12.751.000 euro,
  • il patrimonio netto delle partecipate ha subito una perdita di quasi 14.900.000 euro;
  • le società partecipate per le troppo elevate esposizioni bancarie, e le assenze di ricavi operativi ricorrenti, hanno ricevuto continui supporti finanziari da parte del Comune.


Infatti i soldi dei cittadini sono stati risucchiati dalla voragine delle partecipate: il Comune ha trasferito a esse tra il 2012 e il 2015 ben 162 milioni di euro, pari al 27% delle tasse versate dai cittadini.

Il Comune di Parma nel quadriennio 2012-2015 ha incassato in tutto 597,5 milioni di euro attraverso tasse e imposte comunali: nel 2014 ogni cittadino ha corrisposto ben 941 euro di tasse, la leva fiscale più alta in assoluto di tutti i Comuni dell’Emilia-Romagna fra i 50.000 e i 200.000 abitanti e ben al di sopra della media nazionale (650 euro pro capite). Nel 2011, con 474 euro pro capite, erano invece i meno tassati in assoluto fra i cittadini dei Comuni equiparabili in Regione.

Oltre a ciò il Comune di Parma ha ceduto patrimonio immobiliare e soprattutto azioni IREN, perdendo oltre il 4% del suoi pacchetto azionario e con ciò indebolendo il controllo pubblico della società. Per la ristrutturazione del debito della holding comunale STT, non solo il Comune non ha aperto una vertenza con le banche per ridurne le ingiustificate pretese (finanziamenti erogati in assenza di garanzie, sovra-stima dei terreni SPIP, etc.), ma addirittura sono state forniti in garanzia alle banche patrimonio immobiliare e milioni di azioni IREN: ieri ben 18 milioni di azioni sono passate dalle mani pubbliche a quelle delle grandi banche che, per pubblica ammissione dell’amministratore delegato di STT, «non ci hanno rimesso quasi nulla». Bella ristrutturazione del debito! Le tasse dei cittadini sono invece aumentate in quattro anni del 100%.

La Commissione Audit sul debito pubblico di Parma chiede pertanto che venga istituita una COMMISSIONE DI INCHIESTA pubblica e popolare sul debito, che indaghi sulla sua parte illegittima, allo scopo di non farlo pagare ai cittadini e di porre fine alla privatizzazione di beni e servizi, che si configura come un pesante attacco ai diritti inalienabili delle persone.

Per saperne di più, leggi la Lettera aperta sul debito di Parma e firmala per sostenere Commissione Audit di Parma. In tal modo sarà possibile esercitare quella forma di partecipazione e di controllo sulle scelte che farà la futura Amministrazione comunale e costruire dal basso, attraverso la diretta partecipazione popolare, un modello diverso e alternativo di città, contro le speculazioni e gli interessi di pochi, in difesa del preminente bene collettivo.

Autore dell'articolo: Amministratore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *