Jeremy Corbyn

La Gran Bretagna non può interrompere il suo percorso verso la prosperità. Dobbiamo costruirlo

di Jeremy Corbyn, traduzione di EsseBlog

L’elezione della leadership Labour è stata una straordinaria dimostrazione di democrazia di base e partecipazione pubblica, che ha rimesso il senso comune della politica al suo posto. Abbiamo parlato a centinaia di migliaia di persone di ogni età e provenienza da tutto il Paese, ben oltre le fila degli attivisti di vecchia data.

Chi adesso potrà seriamente sostenere che i giovani non sono interessati alla politica e che non vi è il desiderio di un nuovo tipo di politica? Soprattutto, è stato dimostrato che milioni di persone vogliono una reale alternativa, non come al solito, sia all’interno che fuori del partito laburista.

La speranza di cambiamento e l’apporto di grandi idee sono ora di nuovo al centro della politica: porre fine all’austerità, affrontare il tema delle disuguaglianze, lavorare per la pace e la giustizia sociale in Inghilterra e all’estero. Ecco perché il partito laburista è stato fondato più di un secolo fa. Le elezioni hanno dato questo scopo fondante ad una nuova forza per il 21° secolo: un partito laburista che dà voce al 99%.

L’esito chiaro del voto di sabato è un mandato inequivocabile per il cambiamento da un’onda democratica che è già diventata un movimento sociale. Sono onorato dalla fiducia riposta in me dai nostri iscritti e sostenitori e darò tutto quello che ho per ripagarla. Abbiamo combattuto e vinto sul terreno della politica, non su quello della personalità, senza torti o rancori.

A scanso di equivoci, la mia leadership avrà tensione unitaria, attingendo da tutti i talenti – le donne rappresentano la metà del governo ombra – e lavorando insieme a tutti i livelli del partito. Il nostro obiettivo è quello di portare nel cuore del partito le centinaia di migliaia di persone che hanno preso parte alle elezioni per la scelta leader, del portavoce dei deputati, e del candidato sindaco di Londra. Ci riusciremo facendo ancora una volta del Labour un movimento.

Si tratta anche di rimettere la democrazia al comando. Non sarò il leader degli editti dall’alto. La mia guida sarà tesa a valorizzare idee provenienti da tutti i livelli del partito e del movimento laburista, traendo ispirazione da un partito enormemente ampliato nelle comunità, e con i talenti di tutti per sviluppare politica, resistere agli attacchi di questo governo e costruire le condizioni per un cambiamento.

Siamo in grado di creare un nuovo tipo di politica: più gentile, più rispettosa, ma anche coraggiosa. Rendiamolo possibile costruendo una campagna per il cambiamento. Possiamo cambiare le menti, possiamo cambiare la politica, siamo in grado di migliorare le cose. Il messaggio più importante che la mia elezione offre a milioni di persone, è che dovranno votare Labour e mandare a casa i Tories perché il partito è ormai inequivocabilmente dalla loro parte. Comprendiamo il valore dell’aspirazione e capiamo che è solo insieme che le nostre aspirazioni possono essere realizzate.

Ognuno aspira a una casa a prezzi accessibili, un lavoro sicuro, migliori condizioni di vita, l’assistenza sanitaria affidabile e di una pensione decente. La mia generazione ha inteso queste cose come garantite e così dovrebbe essere per le generazioni future.

I conservatori stanno introducendo una legge sul sindacato che renderà più difficile per i lavoratori ottenere un trattamento equo sul posto di lavoro, lottare per un’equa retribuzione e per un migliore equilibrio tra lavoro e vita. I sindacati sono una forza per il bene – una forza per una società più equa. Compatto, il Labour voterà contro questo attacco antidemocratico ai membri del sindacato.

È chiaro, altresì, che il primo ministro presto chiederà nuovamente di bombardare la Siria. Cosa che non ridurrà il numero di rifugiati, ma ne creerà di più. L’Isis è assolutamente ripugnante e il regime del Presidente Assad ha commesso crimini terribili. Ma dobbiamo anche opporci alle bombe saudite che cadono sullo Yemen e la dittatura del Bahrain che ha ucciso il suo movimento per la democrazia, armata da noi. Il nostro ruolo è quello di una campagna per il disarmo e la pace in tutto il mondo.

Per i conservatori, il deficit è solo una scusa per portare avanti la vecchia politica Tory: guidare verso il basso i salari, tagliare le tasse per i più ricchi, permettere che i prezzi delle case aumentino fuori portata massima, svendere i nostri beni nazionali e attaccare i sindacati. Non è possibile tagliare la strada per la prosperità, bisogna costruirla: investire in infrastrutture moderne, investire nelle persone e nelle loro competenze, sfruttando idee innovative e nuovi modi di lavorare per affrontare il cambiamento climatico per proteggere il nostro ambiente e il nostro futuro.

Il nostro compito è quello di mostrare che l’economia e la nostra società possono essere fatte per funzionare per tutti. Ciò significa garantire che ci solleveremo contro l’ingiustizia ovunque saremo e lotteremo per un futuro più giusto e più democratico che soddisfi le esigenze di tutti.

La risposta della gente comune in tutta Europa nelle ultime settimane ha dimostrato la sete per un diverso tipo di politica e società . I valori della compassione , della giustizia sociale, la solidarietà e l’internazionalismo sono stati al centro dell’eruzione democratica in sacche enormemente ampliate rispetto a quelle tipicamente laburiste.

Questi valori sono incorporati profondamente nella cultura del popolo britannico. Il nostro obiettivo è ora riprendere quello spirito e la fame di cambiamento che ci hanno attraversati lasciare che raggiungano tutta la Gran Bretagna.

Questo articolo è stato pubblicato in versione italiana su EsseBlog il 13 settembre 2015. Qui il testo originale

Autore dell'articolo: Amministratore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *