Bologna, l’ultima idea del Comune per la periferia: un nuovo centro commerciale

Bologna
Bologna
di Mauro Boarelli

Bologna ha davvero bisogno di un nuovo grande centro commerciale? Si direbbe di no, visto il numero di quelli già esistenti. Ma l’amministrazione comunale è di diverso parere. Quella che con sfrontato eufemismo viene definita “riqualificazione” di aree periferiche passa ancora una volta, con scarsa fantasia, attraverso la costruzione di un centro commerciale.

Stavolta i “riqualificatori” hanno superato se stessi individuando una localizzazione che qualsiasi urbanista dotato di un minimo di buon senso definirebbe quantomeno bizzarra: via Larga, per la precisione all’incrocio con via dell’Industria. Via Larga inizia – provenendo da via Massarenti – con un grande centro commerciale, il Pianeta, e termina – dopo aver costeggiato il Pilastro – con un centro commerciale ancora più grande, il Meraville.

Nel mezzo – a poche decine di metri dal nuovo insediamento annunciato – c’è un altro supermercato della grande distribuzione. Ora si aggiungerà un altro insediamento di oltre 8.000 metri quadri, e tutto questo lungo un percorso che non supera i tre chilometri. Una follia. Ma nella follia c’è del metodo. E il metodo prevede – tra l’altro – che il progetto venga portato all’attenzione del Consiglio di quartiere all’ultimo momento (il 1 ottobre, a quanto pare), quando l’iter sarà a uno stadio molto avanzato e i giochi saranno già fatti: l’inizio dei lavori è infatti annunciato per l’inizio del prossimo anno.

Nella città che si fa vanto di coinvolgere i cittadini nelle scelte urbanistiche, questo episodio mostra ancora una volta di quanta retorica siano fatti i discorsi degli amministratori locali sulla partecipazione. E mostra anche come non ci sia alcuna differenza culturale all’interno della maggioranza di governo. Milena Naldi, presidente del quartiere San Vitale in quota Sel, si è mostrata del tutto entusiasta verso un progetto che dovrebbe invece gettarla nell’imbarazzo arrivando a sostenere: “non mi sembra una soluzione scandalosa, anche perché il bene della collettività è stato salvaguardato prevedendo la costruzione di parcheggi e aree verdi” (Il Corriere di Bologna, 4 settembre).

Il “bene della collettività” si riduce quindi a qualche parcheggio (falsamente pubblico, peraltro, perché nessuno ha il bisogno di parcheggiare davanti a un centro commerciale se non per fare la spesa proprio lì) e a qualche giardinetto dove far giocare i bambini dopo averli costretti a un bel giro tra gli scaffali di un supermercato.

Questo ennesimo scempio urbanistico esemplifica ancora una volta la subalternità culturale dell’amministrazione locale verso tutto ciò che dovrebbe invece osteggiare: il consumo di suolo per opere che non portano alcun beneficio alla collettività, lo strapotere della grande distribuzione organizzata a discapito del piccolo commercio di prossimità, la diffusione capillare sul territorio di strutture che monopolizzano il tempo libero e lo indirizzano in modo sempre più pervasivo verso il consumo, la riduzione delle politiche urbanistiche a strumenti che si limitano ad assecondare le esigenze dei soggetti più potenti operanti nel mercato. Dei cittadini, di loro bisogni e dei problemi delle periferie non c’è alcuna traccia.

Aderisci all’appello per la lista civica, in vista delle elezioni amministrative del 2016 per il Comune di Bologna

Questo articolo è stato pubblicato sulla pagina Facebook di Coalizione civica Bologna il 15 settembre 2015

Autore dell'articolo: Amministratore

1 commento su “Bologna, l’ultima idea del Comune per la periferia: un nuovo centro commerciale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *